Calendario

Apr
3
lun
L’esposizione “Tu!” apre a Villa Saroli a Lugano, dal 3 aprile al 7 dicembre 2017 @ Lugano
Apr 3–Dic 7 giorno intero

Tu! – Un percorso sulla diversità.

L’esposizione “Tu!” apre a Villa Saroli a Lugano, dal 3 aprile al 7 dicembre 2017. Tu! è un’esposizione per giocare, sorridere e riflettere sul tema della nostra delicata umanità. Attraverso giochi, testimonianze e video immersivi, il visitatore è invitato a riflettere su alcune questioni fondamentali sul tema della diversità. Il percorso, realizzato da L’ideatorio dell’Università della Svizzera italiana in collaborazione con Pro Infirmis Ticino e Moesano e sostenuto dall’Ufficio federale per le pari opportunità delle persone con disabilità, è stato inaugurato oggi dal Rettore dell’USI Boas Erez, dal direttore di Pro Infirmis Ticino e Moesano Danilo Forini, dal responsabile de L’ideatorio Giovanni Pellegri e da Laura Cantù, protagonista di una testimonianza presentata all’interno dell’esposizione.

Il percorso interattivo “Tu!” è rivolto al grande pubblico: bambini, adulti e scuole, con l’intento di promuovere uno sguardo più attento sulla diversità. Il progetto propone una modalità innovativa per riflettere sugli obiettivi fissati dalla Convenzione dell’ONU per le persone con disabilità, permettendo un lavoro che alimenti pensieri, atteggiamenti e parole diverse su come sono percepite, considerate e trattate le persone con disabilità. Attraverso un linguaggio volutamente giocoso e interattivo – che si presta a raggiungere il grande pubblico – il visitatore sarà invitato a riflettere su alcune questioni fondamentali che toccano la nostra vita, i nostri limiti e la diversità. Chi sono io? Chi è l’altro? Un’esperienza che diventa utile ad educarci in generale alla relazione con l’altro, indipendentemente dalla presenza o meno di una disabilità.

Visitando il percorso, tra i vari contenuti proposti, si possono ascoltare le testimonianze di persone che hanno vissuto, o che vivono tutt’ora, una situazione di handicap. Racconti semplici, ma carichi di significato, che permettono di identificarsi con una fragilità che è presente, in forme diverse, in ogni individuo, la quale non impedisce però una partecipazione attiva nella società. Ad esempio la storia del consigliere nazionale Christian Lohr, che nonostante la sua disabilità siede tra i banchi del Consiglio Nazionale. Si potranno incontrare inoltre singolari immagini realizzate dal fotografo ticinese Simone Mengani ritraenti i volti medi dei giocatori delle squadre ticinesi di hockey Ambrì e Lugano, dei Granconsiglieri e delle Granconsigliere ticinesi e dei bambini delle scuole elementari di Molino Nuovo di Lugano. Una media che non rappresenta nessuno, perché annulla le specificità che permettono di caratterizzare una persona come tale.

Il progetto vanta un’ampia rete di enti e persone che hanno collaborato alla sua realizzazione. Oltre al gruppo esecutivo formato da L’ideatorio dell’USI, Pro Infirmis Ticino e Moesano e dall’Istituto scolastico della Città di Lugano, è stato istituito un gruppo di accompagnamento con il compito di assicurare la qualità del progetto, composto da note personalità attive nell’ambito dell’inclusione sociale: i professori Michele Mainardi, Andrea Lanfranchi e Adriano Previtali, il Dr. Mauro Martinoni e il consigliere di Stato Manuele Bertoli. Inoltre, il gruppo esecutivo è stato coadiuvato da alcune associazioni ticinesi attive nell’ambito (FTIA, atgabbes, Inclusione Handicap, UNITAS) e dal Dipartimento Formazione Apprendimento della SUPSI, per garantire la continuità del progetto anche oltre le date termine. Infine, l’allestimento è stato curato in collaborazione con il Dipartimento ambiente costruzioni e design della SUPSI. Un’importante sinergia è stata instaurata anche con gli Uffici cantonali della pedagogia speciale e delle scuole comunali, nonché il Centro di risorse didattiche e digitali del Canton Ticino, per assicurare la diffusione del progetto. L’esposizione sarà riproposta a Castelgrande a Bellinzona nel 2018.

Mag
20
sab
Chiasso: DAL 20 MAGGIO AL 24 SETTEMBRE 2017 LA MOSTRA; LA RINASCENTE, 100 ANNI DI CREATIVITÀ D’IMPRESA ATTRAVERSO LA GRAFICA @ Chiasso
Mag 20–Set 24 giorno intero

m.a.x. museo, CHIASSO (SVIZZERA)
DAL 20 MAGGIO AL 24 SETTEMBRE 2017 LA MOSTRA; LA RINASCENTE, 100 ANNI DI CREATIVITÀ D’IMPRESA ATTRAVERSO LA GRAFICA
La mostra celebra, a cento anni dalla fondazione della Rinascente di Milano (1917), la vocazione grafica e comunicativa dei noti grandi magazzini, che fin dagli esordi rappresentano un vero e proprio laboratorio di sperimentazione per la storia della grafica e del design.

L’esposizione presenta oltre 500 materiali, fra cui manifesti anche di grandi dimensioni, locandine, pubblicità, cartoline, carte da imballo, biglietti d’auguri, bozzetti, campagne fotografiche e molto altro: donne esili e raffinate con la sciarpa che prende il volo insieme alle valigie, cavalli a dondolo che di notte fanno visita a bambini addormentati, scale mobili che si rincorrono, pesci azzurri che fanno il girotondo o ancora Babbo Natale che si affaccia da un sacco pieno di doni.

Dai manifesti in stile liberty disegnati da Marcello Dudovich al monogramma “lR” progettato da Max Huber alle fotografie di Oliviero Toscani, la storia della Rinascente ci offre un secolo di comunicazione d’impresa sempre sorprendente e all’avanguardia.
L’esposizione racconta così i progetti di tantissimi collaboratori, oggi considerati veri e propri maestri nel campo della grafica, della comunicazione visiva e del design, fra cui Achille Luciano Mauzan, Marcello Dudovich, Leopoldo Metlicovitz, Max Huber, Albe Steiner, Lora Lamm, Giancarlo Iliprandi, Brunetta Mateldi Moretti, Pegge Hopper, Roberto Maderna, Roberto Sambonet, Massimo Vignelli, Bob e Ornella Noorda, Aoi Huber Kono, Heinz Waibl, Salvatore Gregorietti, Giovanna Graf, Bruno Munari, Franco e Jeanne Grignani, Italo Lupi, Carlo Pagani, Giancarlo Ortelli, Richard Sapper, Mario Bellini e molti altri, senza dimenticare fotografi come Aldo Ballo, Ugo Mulas, Serge Libiszewski, William Klein e Oliviero Toscani.

Per il valore dell’iniziativa, la mostra gode del patrocinio del Ministero italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, come pure del Consolato Generale d’Italia a Lugano.
In contemporanea, con progetto complementare, a Palazzo Reale di Milano, nell’Appartamento del Principe, si terrà “lR100. RINASCENTE. Stories of innovation” (24 maggio – 24 settembre 2017) incentrata sulla storia dei grandi magazzini.
INAUGURAZIONE m.a.x. museo: venerdì 19 maggio 2017, ore 18.30
Da sabato 20 maggio a domenica 24 settembre 2017, il m.a.x. museo di Chiasso (Svizzera) ospita una mostra dedicata alla storia grafica e comunicativa della Rinascente, i celebri grandi magazzini fondati nel 1917 con la titolazione ideata dalla vena poetica di Gabriele D’Annunzio.
L’esposizione – curata da Mario Piazza, docente presso il Dipartimento di Design, Scuola del Design del Politecnico di Milano, e da Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo e di Spazio Officina di Chiasso – è parte della stagione 2016–2017 del Centro Culturale Chiasso, che si declina nel nome della “creatività”.

La Rinascente può, in effetti, essere considerata, nel corso della sua storia centenaria, un vero e proprio laboratorio di sperimentazione per la grafica e il design, grazie ad artisti, grafici, illustratori e fotografi che hanno saputo tradurre e interpretare con innovazione la ricercata eleganza, ma anche la grande diffusione dei prodotti rivolti verso l’ampio mercato.

Connaturata con la sua origine, che guardava con fiducia al progresso e alla cultura della modernità, la Rinascente ha di fatto visto nascere e aiutato lo sviluppo delle discipline legate alla comunicazione, alla vendita e a una vera e propria “messa in scena” del prodotto. La mostra presenta così i vari ambiti che la Rinascente tocca nella sua storia centenaria: dall’arte al servizio della réclame al cartellonismo, dalla grafica progettata all’imballaggio come sistema comunicativo, dagli allestimenti alla cultura di presentazione scenografica delle merci, dalla pubblicità classica al sistema innovativo del design.

In questo agire il gioco dell’immagine coordinata è fatto: dal cartellino del prezzo, alla carta da imballo, dal sacchetto di carta alla scritta luminosa della vetrina, il tutto appare con un potere persuasivo e un’identità “d’immagine aziendale” di altissimo livello.

La mostra consente anche di verificare il mutare dei consumi, la vita di una città e le sue relazioni internazionali nello spaccato della “storia della grafica”: dall’abbigliamento uomo/donna/bambino per le varie stagioni ai giocattoli e al Natale, dagli articoli da pesca a quelli per la scuola agli utensili da cucina ai mobili, dalle biciclette ai paesi lontani – Giappone, India, Messico, Stati Uniti e Gran Bretagna che negli anni ’50 diventano oggetto delle cosiddette “mostre-mercato”, operazioni culturali di grande significato per l’epoca, dove tutto quanto presentato nei grandi magazzini ovviamente era in vendita e allo stesso tempo raccontava paesi lontani non ancora particolarmente noti.

L’esposizione al m.a.x. museo di Chiasso presenta per la prima volta riunito un patrimonio di grande interesse e piacevolezza, ricostruendo la storia visiva di Rinascente attraverso oltre 500 materiali, fra cui manifesti anche di grandi dimensioni, locandine, pubblicità, calendari, cartoline, carte da imballo, inviti, buste, biglietti d’auguri, etichette, brochures, insegne, logotipi, listini, borse per la vendita, bozzetti, prototipi, oggetti, addobbi, campagne fotografiche, foto di allestimenti o delle vetrine o del “dietro le quinte”, cataloghi e pubblicazioni.

Figure femminili esili e raffinate con la sciarpa che prende il volo insieme alle valigie o in barca a godersi il sole o a passeggio con il cane sulla spiaggia; bambini che dormono beati e si immaginano trenini e cavalli a dondolo che corrono fuori dalla Rinascente; scale mobili che si rincorrono; pesci azzurri che fanno il girotondo; Babbo Natale che si affaccia da un sacco pieno di doni; Micky Mouse che si china su una culla sono solamente alcune delle immagini che veicolano il mondo dinamico e in fermento di Rinascente.

Dai manifesti in stile liberty disegnati da Marcello Dudovich al monogramma “lR” progettato da Max Huber alle fotografie di Oliviero Toscani, la storia della Rinascente ci offre un secolo di comunicazione d’impresa sempre sorprendente e all’avanguardia: una ginnastica visiva di grande charme.
Ci racconta anche i progetti di tantissimi collaboratori, oggi considerati veri e propri maestri nel campo della grafica, della comunicazione visiva e del design. Un patrimonio infinito di immagini ricche e colorate progettate da Achille Luciano Mauzan, Marcello Dudovich, Leopoldo Metlicovitz, Max Huber, Albe Steiner, Lora Lamm, Giancarlo Iliprandi, Brunetta Mateldi Moretti, Pegge Hopper, Roberto Maderna, Roberto Sambonet, Massimo Vignelli, Bob e Ornella Noorda, Aoi Huber Kono, Heinz Waibl, Salvatore Gregorietti, Giovanna Graf, Bruno Munari, Franco e Jeanne Grignani, Italo Lupi, Carlo Pagani, Giancarlo Ortelli, Richard Sapper, Mario Bellini e molti altri, senza dimenticare fotografi come Aldo Ballo, Ugo Mulas, Serge Libiszewski, William Klein e Oliviero Toscani.

Per il valore dell’iniziativa, la mostra gode del patrocinio del Ministero italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, come pure del Consolato Generale d’Italia a Lugano. A sottolineare questo rapporto fra l’Italia e la Svizzera all’inaugurazione sarà presente Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario del Ministero italiano dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

La mostra al m.a.x. museo è resa possibile grazie al Dicastero Educazione e Attività culturali del Comune di Chiasso, grazie a Rinascente in qualità di main sponsor, con il sostegno della Repubblica e Cantone Ticino-Fondo Swisslos, dell’AGE SA e dell’associazione amici del m.a.x. museo.

L’esposizione si avvale di importanti prestiti dal Museum für Gestaltung Zürich (Graphics Collection e Poster Collection), dal Museo Nazionale Collezione Salce (Treviso), dalla Civica Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli – Castello Sforzesco di Milano, dagli Archivi ASBA del Politecnico di Milano, dalla Fondazione Massimo e Sonia Cirulli (Bologna), dal Vignelli Center for Design Studies – Rochester Institute of Technology (Rochester, New York) e della collaborazione con numerosi archivi – Max Huber, Mario Bellini, Anna Boggeri, Salvatore Galati, Salvatore Gregorietti, Amneris Latis Liesering, Serge Libiszewski, Italo Lupi, Roberto Maderna, Ettore Mariani, Roberto Sambonet, Richard Sapper, Grazia Varisco –, ma anche della collaborazione con collezioni private, come quelle di Oliviero Toscani – Studio Toscani, Lorenzo Grazzani, Origoni Steiner, Rossella Villani, di altri prestatori che desiderano mantenere l’anonimato, nonché della collezione del m.a.x. museo.

Si ringrazia la SUPSI-Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana, e in particolare il Laboratorio cultura visiva del Dipartimento ambiente costruzioni e design, per la collaborazione nell’ambito del progetto grafico.

In contemporanea, con progetto complementare, a Palazzo Reale di Milano, nell’Appartamento del Principe, si terrà “lR100. RINASCENTE. Stories of innovation” (24 maggio – 24 settembre 2017) incentrata sulla storia dei grandi magazzini, a cura di Sandrina Bandera e Maria Canella, con l’allestimento di OMA/AMO.
100 ANNI DI GRAFICA DELLA RINASCENTE
Già nei primi anni del Novecento la Rinascente si impone per la novità e la sofisticata eleganza, che caratterizza in effetti fin dagli esordi anche l’immagine pubblicitaria. Sarà inizialmente il raffinato cartellonismo di Marcello Dudovich, che veicolava l’immagine di una donna dinamica ed elegante, ad accompagnare i successi di crescita della Rinascente per più di trent’anni (dal 1921 al 1956). Lo stile di Dudovich verrà affiancato dai manifesti di altri grandi artisti, come Leopoldo Metlicovitz, Achille Luciano Mauzan, Aldo Mazza, Mario Bazzi, l’agenzia MAGA, Giuseppe Sorgiani e Georges Monestier.
Il grande magazzino è concepito come un “regno al femminile”: a comprare, a vendere, a servire e a essere servite sono quasi esclusivamente donne. E anche la réclame è prevalentemente rappresentata al femminile.

Le donne che figurano nei manifesti di Dudovich, con chiari riferimenti al Liberty e poi all’Art Déco, sono ammaliatrici, spensierate, moderne e irraggiungibili; immagini che troveranno sempre più spazio anche nei cataloghi, nei cartelloni pubblicitari, nelle vetrine, in opuscoli, foglietti e dépliant. Si affermano così le nuove tipologie pubblicitarie, che dagli anni Trenta comunicano grazie anche a nuove tecniche di stampa, con frequente inserimento della fotografia. Si affiancano poi a Dudovich nuovi autori, come Gino Boccasile, Alfredo Lalia, Renato Vernizzi, Walter Resentera e Nanni Schipani.

Ormai la Rinascente è una grande catena presente in tutta Italia. Nel 1929 viene pubblicato l’house organ “Echi della Rinascente” che nel 1936 diventerà “La Famiglia Rinascente-Upim”, quindi “Cronache” con il sottotitolo “Rassegna di vita e di lavoro nei grandi magazzini”.
Nelle pagine di questo periodico, creato per i dipendenti, verranno pubblicate le molteplici attività del grande magazzino per rendere sempre più innovative le esposizioni, saper presentare le merci e gestire le campagne pubblicitarie. Si intende così offrire una sorta di “democratizzazione” dei consumi, indagando sui nuovi bisogni e operando una ricerca continua di significative collaborazioni.

Sono gli stessi anni in cui Gio Ponti progetta per la Rinascente, insieme a Emilio Lancia, una linea di arredi con lo scopo di rinnovare l’immagine della tipica casa borghese; attraverso il marchio Domus Nova vengono così prodotti e messi in vendita a prezzi contenuti mobili moderni, con l’intento di contribuire allo svecchiamento della società e alla diffusione del gusto internazionale del Modern Style.

La Rinascente inizia a sperimentare collaborazioni con disegnatori esterni; dagli esordi degli anni Cinquanta l’incontro fra grafica d’impresa e design diverrà quindi il tratto distintivo dei grandi magazzini.

Il secondo dopoguerra si apre con la profonda ferita della distruzione della sede di Piazza Duomo a Milano, ma anche con una forte volontà di ricostruzione.
Il 4 dicembre 1950 riapre il grande magazzino milanese con gli interni e gli arredi progettati dall’architetto Carlo Pagani, dove un intero piano è dedicato all’arredamento. Si avvia una nuova fase per la Rinascente in cui la spinta alla ricostruzione e al successivo boom economico vengono sfruttati con sapienza imprenditoriale.

In questo periodo si lancia anche il nuovo marchio con il monogramma “lR” creato dal giovane grafico svizzero Max Huber, che introduce un cambio di passo nell’immagine. Huber proporrà un iconico monogramma formato da una prima lettera minuscola a simbolo dell’articolo “la” seguito dalla maiuscola “R” in stampatello per Rinascente, il tutto realizzato in due caratteri tipografici differenti e assolutamente fuori dai canoni prestabiliti: Bodoni corsivo con le grazie il primo e Futura, asciutto e moderno, il secondo.
Max Huber sintetizza quindi in due lettere il concetto dei grandi magazzini, unendo tradizione e innovazione, passato e futuro, storia e creatività.

Geometria, fotografia, caratteri tipografici lineari, timbri cromatici e sovrastampe rappresentano l’avanguardia grafica di quello che diventerà lo “stile milanese”, un mix d’inventiva capace di unire i migliori grafici italiani con altri provenienti da tutto il mondo in una visione di forte internazionalizzazione: tutti all’opera di fronte alle guglie del Duomo di Milano nell’Ufficio Pubblicità, nell’Ufficio Sviluppo o nell’Ufficio Ricerche di mercato.
I grandi magazzini di Milano in quegli anni sono diretti da Cesare Brustio, Aldo Borletti, Alfredo Ceriani e Gianni Bordoli. La ricerca del successo imprenditoriale è volta a individuare una sorta di “pedagogia” dei consumi che approderà nel 1953 alla mostra “L’estetica del prodotto”, curata da Carlo Pagani, Bruno Munari e Alberto Rosselli, evolvendo poi nella mostra-premio per il disegno industriale “Compasso d’oro”, ideato da Gio Ponti e Alberto Rosselli in collaborazione con Marco Zanuso, Albe Steiner e Augusto Morello, allora responsabile dell’Ufficio Sviluppo della Rinascente.
Dopo una fase sperimentale con Max Huber per la comunicazione e Albe Steiner per l’allestimento delle vetrine, l’Ufficio Pubblicità opererà fino agli anni Settanta sotto la direzione artistica di Amneris Latis Liesering e poi Adriana Botti Monti. Con loro lavoreranno grafici interni e molti designer freelance in un clima di forti scambi internazionali, in cui appare privilegiato l’asse Zurigo-Milano.

La Rinascente ormai fa parte della storia della grafica e la sola elencazione dei collaboratori lo conferma.

Per la pubblicità: Lora Lamm, Aoi Huber Kono, Heinz Waibl, Giancarlo Iliprandi, Brunetta Mateldi Moretti, Pegge Hopper, Roberto Maderna, Giovanna Graf, Emilio De Maddalena, Monica Furrer, Mario Trüb, Carla Buttura, Celestino Ferrario, Salvadé Borras, Raymond Gfeller, Massimo Vignelli, Salvatore Gregorietti, Georg Erhardt, Gisela Tobler, Hazy Osterwalder, Tomás Maldonado, Gui Bonsiepe, Dalmonte, Tomás Gonda.

Per il packaging, le vetrine e gli allestimenti delle celebri “mostre-mercato”, un sofisticato lavoro sulla merceologia e allo stesso tempo singolari operazioni culturali, collaborano: Bruno Munari, Erberto Carboni, Marcello Nizzoli, Franco e Jeanne Grignani, Roberto Sambonet, Ennio Lucini, Giancarlo Ortelli, Attilia Faggian, Giorgio Armani, Italo Lupi, Mario Bellini, Roberto Orefice, Laura Sturme, Grazia Varisco, Richard Sapper, Enzo Mari, Bob e Ornella Noorda.

A questi designer si affiancano importanti fotografi, come Aldo e Marirosa Ballo, Ugo Mulas, Gérard Herter, Serge Libiszewski, William Klein, Jeanloup Sieff, Carlo Orsi e Oliviero Toscani.

La Rinascente, in cento anni, racconta le vicende di un’impresa aziendale seguendo il mutare dei consumi, la vita di una città e le sue relazioni internazionali nello spaccato della “storia della grafica”.
CATALOGO BILINGUE (ITALIANO/INGLESE)
“La Rinascente. 100 anni di creatività d’impresa attraverso la grafica / 100 Years of Corporate Creativity through Graphic Design”, a cura di Mario Piazza e Nicoletta Ossanna Cavadini, con saggi dei curatori, di Raffaella Castagnola e Raimonda Riccini, a corredo una ricca sezione iconografica e un atlante delle immagini, Skira editore, Ginevra-Milano, 2017, 24 x 24 cm, p. 282, CHF 36.- / Euro 36.
VIDEO
Come per tutte le mostre del m.a.x. museo, la redazione di Ultrafragola (3D Produzioni) ha realizzato un video, visibile in mostra a Chiasso.
Il filmato sarà trasmesso anche su ARTBOX-Sky Arte durante il periodo espositivo.

INAUGURAZIONE
L’inaugurazione della mostra “La Rinascente.100 anni di creatività d’impresa attraverso la grafica” ha luogo venerdì 19 maggio 2017 alle ore 18.30 al m.a.x. museo di Chiasso, alla presenza di Ilaria Borletti Buitoni, Sottosegretario del Ministero italiano dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, di Davide Dosi, capo Dicastero Educazione e Attività culturali di Chiasso, e dei curatori: Mario Piazza, docente presso il Dipartimento di Design, Scuola del Design del Politecnico di Milano, e Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo e di Spazio Officina di Chiasso.
Un aperitivo sarà offerto a tutti i presenti.

All’inaugurazione saranno presenti alcuni dei grafici e fotografi che hanno lavorato per Rinascente.
UNA SEGGIOLINA TUTTA PER ME
Durante l’intero periodo espositivo viene riproposta l’iniziativa “Una seggiolina tutta per me”: in ogni sala del m.a.x. museo i più piccoli troveranno un’opera appesa ad altezza di bambino con tre mini sedie per accomodarsi e gustarsi l’arte in tutta calma, in compagnia della mamma e del papà.

LA RINASCENTE
100 ANNI DI CREATIVITÀ D’IMPRESA ATTRAVERSO LA GRAFICA
m.a.x. museo (Via Dante Alighieri 6), Chiasso (Svizzera)
20 maggio – 24 settembre 2017

Orari
Martedì–domenica, ore 10.00–12.00 e 14.00–18.00
Lunedì chiuso (tranne lunedì 5 giugno 2017)

Chiusura estiva del m.a.x. museo
Da lunedì 31 luglio a lunedì 21 agosto 2017 compresi

Aperture speciali
Giovedì 25 maggio 2017 (Ascensione)
Domenica 4 giugno 2017 (Pentecoste)
Lunedì 5 giugno 2017 (Lunedì di Pentecoste)
Giovedì 15 giugno 2017 (Corpus Domini)
Giovedì 29 giugno 2017 (SS. Pietro e Paolo)

Ingresso
Intero: CHF/Euro 10.-
Ridotto (AVS, AI, studenti, TCS, TCI, FAI SWISS, FAI, convenzionati): CHF/Euro 7.-
Scolaresche e gruppi di minimo 15 persone: CHF/Euro 5.-
Metà prezzo: Chiasso Card
Gratuito: bambini fino a 7 anni, giornalisti, Passaporto Musei svizzeri, ICOM, Visarte, Aiap, associazione amici del m.a.x. museo
Entrata gratuita: ogni prima domenica del mese

Informazioni
t +41 91 695 08 88, info@maxmuseo.ch, www.centroculturalechiasso.ch

seo.ch, www.centroculturalechiasso.ch

MOSTRA LA RINASCENTE 100 ANNI DI CREATIVITÀ D’IMPRESA ATTRAVERSO LA GRAFICA m.a.x. museo, Chiasso (20 maggio-24 settembre) @ Chiasso
Mag 20–Set 24 giorno intero

Da sabato 20 maggio a domenica 24 settembre 2017, il m.a.x. museo di Chiasso ospita una mostra che celebra, a cento anni dalla fondazione, la storia grafica e comunicativa della Rinascente di Milano: fin dagli esordi un vero e proprio laboratorio di sperimentazione per la storia della grafica e del design.

L’esposizione racconta un secolo di comunicazione d’impresa sempre sorprendente e all’avanguardia grazie a tantissimi collaboratori, oggi considerati maestri nel campo della grafica, della pubblicità e del design, che hanno saputo tradurre e interpretare la ricercata eleganza, ma anche la grande diffusione dei prodotti rivolti verso l’ampio mercato: Marcello Dudovich, Max Huber, Albe Steiner, Lora Lamm, Gio Ponti, Giancarlo Iliprandi, Brunetta Mateldi Moretti, Pegge Hopper, Roberto Maderna, Roberto Sambonet, Massimo Vignelli, Bob e Ornella Noorda, Aoi Huber Kono, Heinz Waibl, Salvatore Gregorietti, Giovanna Graf, Bruno Munari, Franco e Jeanne Grignani, Italo Lupi, Carlo Pagani, Giancarlo Ortelli, Richard Sapper, Mario Bellini e molti altri, ma anche fotografi come Aldo Ballo, Ugo Mulas, Serge Libiszewski, William Klein e Oliviero Toscani.
INAUGURAZIONE: venerdì 19 maggio 2017, ore 18.30
20 maggio – 24 settembre 2017
m.a.x. museo, Chiasso (Via Dante Alighieri 6)

interverranno:
ILARIA BORLETTI BUITONI, Sottosegretario del Ministero italiano dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
DAVIDE DOSI, capo Dicastero Educazione e Attività culturali, Chiasso
MARIO PIAZZA e NICOLETTA OSSANNA CAVADINI, co-curatori
In mostra oltre 500 materiali, fra cui manifesti anche di grandi dimensioni, pubblicità, calendari, cartoline, carte da imballo, cataloghi, inviti, insegne, logotipi, listini, borse per la vendita, bozzetti, prototipi, oggetti, fotografie e pubblicazioni: donne esili e raffinate con la sciarpa che prende il volo insieme alle valigie o in barca a godersi il sole, bambini che dormono e si immaginano trenini e cavalli a dondolo che corrono fuori dalla Rinascente, scale mobili che si rincorrono, pesci azzurri che fanno il girotondo o ancora Babbo Natale che si affaccia da un sacco pieno di doni.

Per il valore dell’iniziativa, la mostra gode del patrocinio del Ministero italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, come pure del Consolato Generale d’Italia a Lugano.
In contemporanea, con progetto complementare, a Palazzo Reale di Milano, nell’Appartamento del Principe, si terrà “lR100. RINASCENTE. Stories of innovation” (24 maggio–24 settembre 2017) incentrata sulla storia dei grandi magazzini.
Si ringrazia la Rinascente, main sponsor della mostra.

m.a.x. museo e Spazio Officina
Via Dante Alighieri 6
6830 Chiasso (Svizzera)

m +41 76 563 34 77
ufficio.stampa@maxmuseo.ch (Svizzera)
press@maxmuseo.ch (Insubria)
www.centroculturalechiasso.ch

Twitter: @maxmuseo
Facebook: Max Museo

 

Lug
1
sab
Interpretando suoni e luoghi 2017 (1 luglio – 6 ottobre 2017) COMUNITÀ MONTANE VALLI DEL VERBANO E DEL PIAMBELLO @ Regio Verbano (v. programma)
Lug 1–Ott 6 giorno intero

Si inaugura nel prossimo weekend la IX edizione della rassegna musicale itinerante “Interpretando suoni e luoghi” grazie al costante impegno della Comunità Montana Valli del Verbano e della Comunità Montana del Piambello instancabili promotrici dell’iniziativa, con i presidenti Giorgio Piccolo e Maurizio Mozzanica che hanno scelto di continuare a finanziare questa iniziativa che negli anni ha visto un crescente consenso di pubblico, offrendo eventi con musica di qualità nei luoghi più suggestivi dell’alto Varesotto. Ad iniziare la stagione 2017 sarà un concerto in uno dei punti con il panorama più spettacolare del lago Maggiore: la Chiesa di Santa Veronica di Caldé che sabato 1 Luglio alle ore 20.45, in collaborazione con la Pro loco di Castelveccana, ospiterà il coro ex Novo con musiche di Beethoven, Mozart, Grieg, Verdi.
Domenica 2 Luglio alle 17.30 sarà il Museo Butti di Viggiù ad ospitare tra le sue statue il duo di Alessia Martegiani voce e Maurizio Di Fulvio alla chitarra.
Mercoledì 5 luglio concerto in un luogo inedito: il Parco Acquatico di Lavena Ponte Tresa, in via Zanzi, un luogo dello stare contemporaeno, a bordo vasca, suggestivamente illuminato per ascoltare in un contesto unico il Coro di Clarinetti dell’Insubria diretto da Edoardo Piazzoli, che eseguirà musiche di Mozart, Vivaldi, Mercadante. In caso di maltempo, il concerto si svolgerà nell’atrio della Scuola Elementare via Pezzalunga 16.
Nella rassegna ritornano luoghi di grande valore architettonico quali la Badia di Ganna, la Chiesa di S. Antonio a Viconago, chiese e pievi che costellano il nostro territorio da Monteviasco, a Induno Olona, Brusimpiano e Orino.
Arte figurativa e musica si uniranno nei concerti proposti nei musei: Butti a Viggiù, Bodini a Gemonio e, interessante novità per la rassegna, al museo Salvini di Cocquio S. Andrea. La piazzetta di Cavona e il teatro di Cuasso al Monte completano l’itinerario e le occasioni per conoscere ed apprezzare luoghi conosciuti e “nascosti” delle nostre valli, accompagnati da musica e interpreti di grande qualità. Prosegue la consolidata sinergia con Jazz in Maggiore, con un concerto nel chiostro di Palazzo Perabò a cerro di Laveno, con la volontà di diversificare l’offerta e coinvolgere un pubblico eterogeneo e sempre più numeroso. Gran finale in ottobre con l’Asolo Chamber Orchestra all’auditorium di Maccagno, sulle note di Bach e Mozart.
Anche quest’anno il progetto, che vede la direzione artistica e coordinamento di Chiara Nicora e Silvia Sartorio, si avvarrà della collaborazione dei comuni e di realtà artistiche e culturali già operanti sul territorio. I concerti saranno tutti ad ingresso libero e gratuito.

info suonieluoghi@gmail.com cell. • 347 5987971 – 335 7316031
pagina Facebook Interpretando Suoni e luoghi
www.cmpiambello.it www.vallidelverbano.va.it

PROGRAMMA 2017

Sabato 1° Luglio • ore 20.45
Castelveccana • Chiesa di Santa Veronica
Orchestra ex Novo
Musiche di Beethoven, Mozart, Grieg, Verdi

Domenica 2 Luglio • ore 17.30
Viggiù • Museo Butti, via E. Butti 20
Alessia Martegiani voce
Maurizio Di Fulvio chitarra
Musiche di Di Capua, Mercadante, Tárrega

Mercoledì 5 Luglio • ore 21.00
Lavena-PonteTresa • parco acquatico,
via Zanzi 25 (in caso di maltempo, Atrio della Scuola Elementare)
Coro di Clarinetti dell’Insubria
Edoardo Piazzoli direttore
n Musiche di Mozart, Vivaldi, Mercadante

Domenica 23 Luglio • ore 21.00
Brusimpiano • Chiesa di San Martino
Francisco Cuenca chitarra
José Manuel Cuenca pianoforte
Musiche di Rodrigo, Marchelie, Tarrega

Domenica 30 Luglio • ore 21.00
Cerro di Laveno • Palazzo Perabò
(in caso di maltempo, tensostruttura di VillaFrua, Laveno Mombello)
in collaborazione con “Jazz in Maggiore”
Paolino Dalla Porta Future Changes Quartet
Nicolò Ricci sax tenore
Dario Trapani chitarra
Paolino Dalla Porta contrabbasso
Riccardo Chiaberta batteria

Sabato 5 Agosto • ore 21.00
Cuasso al Monte • Nuovo Teatro, via Roma
Trio Namaste
Natalia Benedetti clarinetto • Guido Arbonelli clarinetto basso • Michele Fabrizi pianoforte
Musiche di Mendelsshon, Bellini, Mozart

Martedì 9 Agosto • ore 21.00
Orino • Chiesa di San Lorenzo, via San Lorenzo
Ensemble Perseidi
Joanna Piszczorowicz violino barocco
Giulia Gillio Gianetta violoncello
Zofia Koźlik clavicembalo
Musiche di Leclair, Bonporti, Platti

Venerdì 18 Agosto • ore 21.00
Cadegliano Viconago • Chiesa di Sant’Antonio,
p.zza Angelina
Simone Libralon viola
Musiche di Bach

Sabato 19 Agosto • ore 16.30
Monteviasco • Chiesa parrocchiale
ArmoniEnsemble Guitar Trio
Palma di Gaetano flauto
Giordano Muolo clarinetto
Vincenzo Zecca chitarra
Musiche di Paradiso, Scappini, Gershwin, Warren
www.funiviamonteviasco.it

Venerdì 25 Agosto • ore 21.00
Cocquio Trevisago • Museo Salvini,
Contrada Salvini, 5
Clarissa Bevilacqua violino
Musiche di Bach, Ysaÿe

Sabato 2 Settembre • ore 21.00
Cuveglio • piazzetta di Cavona
in collaborazione con “The American Soutwest Museum di Cuveglio”
MilanoLusterBrass – quintetto di ottoni
Musiche di Charpentier, Verdi, Bach, Donizetti

Domenica 3 Settembre • ore 18.00
Gemonio • Museo Bodini,
Via Marsala, 11
Angelo Ruggieri flauto
Giuseppe Del Plato chitarra
Musiche di Paganini,Vivaldi, Verdi

Venerdì 15 Settembre • ore 21.00
Induno Olona • Chiesa della MAdonna di San Bernardino, Via B. Passerini
Claudio Ferrarini flauto
Luigi Fontana clavicembalo
Musiche di Bach, integrale delle sonate per flauto

Domenica 1° Ottobre • ore 16.30
Valganna • Badia di S. Gemolo, via Perego
in collaborazione con Associazione Amici
della Badia di S.Gemolo in Valganna
Eloisa Cascio pianoforte
Musiche di Mozart, Beethoven, Rachmaninov

Venerdì 6 Ottobre • ore 16.30
Maccagno con Pino e Veddasca • Auditorium, Via P. Valsecchi, 23
Asolo Chamber Orchestra
Valter Favero direttore
Chiara Nicora, Ferdinando Baroffio
e Simone Pagani, pianoforte
Musiche di Bach, Mozart

Ago
5
sab
Nuova esposizione al Castelgrande “Fate vacanza!” (Bellinzona. 5 agosto – 28 ottobre 2017) @ Bellinzona
Ago 5@14:37–Ott 28@15:37

Dal 5 agosto al 22 ottobre 2017 la Sala Arsenale di Castelgrande a Bellinzona ospita la mostra “Fate vacanza!”, un’esposizione ideata e creata dal Museum für Gestaltung di Zurigo in collaborazione con Svizzera Turismo, in occasione del giubileo „100 anni di promozione turistica svizzera”!

05082017_Allestimento Castelgrande_mostra fate vacanza

L’OTR Bellinzonese e Alto Ticino è particolarmente orgogliosa di accogliere nella splendida Sala Arsenale, dell’ancor più splendido Castelgrande, questa esposizione, che accompagna il visitatore a ripercorrere, tra colori, paesaggi fantastici e slogan accattivanti, i 100 anni di promozione turistica svizzera. Accanto a inserzioni, fotografie e filmati pubblicitari, i manifesti sono stati lo strumento più diffuso per propagandare tale immagine, negli ultimi 100 anni. Proprio per questo motivo l’esposizione „Fate vacanza!” si focalizza sui manifesti turistici, che nella storia internazionale delle arti grafiche assumono un ruolo eccezionale.

La mostra, che arriva direttamente dal Museum für Gestaltung di Zurigo, dove negli ultimi 4 mesi ha accolto molti visitatori riscontrando un buon successo, è stata installata a Castelgrande, meta turistica di eccellenza della nostra regione. All’interno della mostra, il visitatore sarà catturato da svariati elementi promozionali che lo riporteranno al Ticino turistico, meta privilegiata per le vacanze dei nostri compaesani d’oltralpe.

L’OTR Bellinzonese e Alto Ticino è inoltre grata a Svizzera Turismo per aver scelto la nostra regione con i suoi Castelli per portare questa esposizione in Ticino, un grande segno di riconoscimento per il lavoro di promozione turistica che la regione si impegna a fare costantemente. Da qualche anno i nostri prodotti turistici sono inoltre perfettamente in linea con le campagne promozionali che Svizzera Turismo sostiene e che portano la nostra immagine in giro per il mondo.

Elia Frapolli, direttore Ticino Turismo: “la mostra “Fate vacanza” è un’ottima occasione per ripercorrere il turismo di ieri e di conseguenza per comprendere meglio quello di oggi. Le vacanze sono un tema universale e sempre attuale e scoprirlo attraverso la storia della veicolazione pubblicitaria è un approccio originale che certamente saprà appassionare i visitatori”.

Il manifesto turistico e i suoi motivi
Laghi cristallini, montagne incantevoli, ponti maestosi e città pittoresche: questi sono ieri come oggi i suggestivi soggetti con cui la Svizzera si propone come meta turistica. Accanto a inserzioni, fotografie e filmati pubblicitari, negli ultimi 100 anni i manifesti sono stati lo strumento più diffuso per propagandare tale immagine. Proprio per questo motivo, l’esposizione „Fate vacanza!” si focalizza sui manifesti turistici, che nella storia internazionale delle arti grafiche assumono un ruolo eccezionale.

La mostra spazia dai primi capolavori di Burkhard Mangold ai classici del manifesto di Otto Baumberger e Donald Brun, senza dimenticare gli arditi fotomontaggi di Herbert Matter e Walter Herdeg, che con i loro innovativi canoni estetici costituiscono un’ulteriore pietra miliare.

Ai suoi albori, il manifesto turistico oscilla tra pittoreschi specchi d’acqua, paesaggi lacustri e maestosi massicci alpini dal forte pathos. In questo modo si intende solleticare sia il desiderio di relax, sia la voglia di avventura. Presto l’attenzione si rivolge anche al progresso tecnico e alle innovazioni architettoniche, con la celebrazione dei primi Grand Hotel e dei primi stabilimenti termali. Strette strade a serpentina, alti ponti ad arco, funivie ad altezze vertiginose e ripide funicolari promettono emozioni forti e panorami mozzafiato. Negli anni tra le due guerre mondiali, il dominio sulla natura mediante lo sport diventa il filo conduttore della pubblicità turistica. I manifesti degli anni 1930 riflettono in maniera esemplare tale mutamento: l’essere umano non è più una comparsa passiva, ma assurge a protagonista. Mentre nei manifesti degli stabilimenti balneari la donna è celebrata come oggetto del desiderio, nelle pubblicità legate al turismo invernale predominano le figure maschili.

Raccolto di spaghetti in Svizzera
L’esposizione non si limita tuttavia ai manifesti, ma illustra l’intera gamma della comunicazione visiva fino all’etichetta per valigie. Filmati pubblicitari del passato e del presente arricchiscono queste rappresentazioni statiche e testimoniano un approccio alla descrizione del Paese che ricorre a toni talvolta epici e talvolta ironici. La Svizzera sa infatti anche essere divertente: in Inghilterra negli anni 1950 un servizio trasmesso dalla BBC su un presunto raccolto di spaghetti in Ticino suscita risate e proteste, con i centralini dell’emittente britannica che vengono presi d’assalto dopo la messa in onda. Tuttora l’umorismo costituisce una componente importante dell’autorappresentazione elvetica.

Scoprire il proprio paradiso turistico
All’entrata della mostra, allo scoccare di ogni mezz’ora, viene attivato lo „Switzerball”, una scultura a forma di flipper gigante che invita il visitatore a partecipare ad una visita all’insegna del buon umore. Sostituendosi al turista, la pallina compie un viaggio di 80 metri alla scoperta di attrazioni legate al mondo urbano e rurale, azionando nel contempo le singole componenti del flipper gigante.
Un ulteriore elemento della mostra è una parete di fotografie che presenta l’immagine della Svizzera tra finzione e realtà.
Vi è inoltre uno strumento interattivo che consente di creare il proprio paradiso turistico personalizzato e di partecipare ad un concorso con i manifesti creati dai visitatori. Questi elementi consentono ai visitatori di accostarsi al tema dell’esposizione in maniera ludica ed interattiva.

100 anni di promozione turistica svizzera
La promozione a livello nazionale della Svizzera come meta turistica inizia nel 1917 con la fondazione dell’Ufficio nazionale svizzero del turismo (UNST, oggi Svizzera Turismo) nella capitale federale Berna. L’esposizione „Fate vacanza!” intende celebrare questo centenario.

In stretta collaborazione con i partner del settore turistico, Svizzera Turismo e le sue 26 rappresentanze all’estero, veicolano un’immagine accattivante della Svizzera come meta di vacanze, viaggi e congressi.

A tale scopo promuovono campagne creative, che riflettono l’evoluzione politica e sociale del Paese.
Concorso aperto a tutti
All’interno dell’esposizione, come illustrato prima, i visitatori avranno la possibilità di cimentarsi con un programma grafico (dal facile utilizzo) per creare la propria “immagine di vacanza” e partecipare così ad un concorso. Al termine dell’esposizione, tutte le proposte saranno valutate da una giuria di esperti. I vincitori si aggiudicheranno ricchi premi, offerti da Svizzera Turismo.
1° premio – 2 notti per 2 persone in camera doppia, colazione e cena al Sunstar Alpine Hotel di Flims
2° premio – 1 notte per 2 persone in camera doppia, colazione e entrata alla Spa al Blausee Hotel di Blausee 3° premio – 1 notte per 2 persone in camera doppia con colazione al Klosterhotel St. Petersinsel di Erlach

Informazioni pratiche:
Orari apertura Castelgrande:
Tutti i giorni dalle 10.00-18.00

Prezzi d’entrata:
Adulto: Fr. 15.-
Ridotto/studenti: Fr. 7.50
Famiglia: Fr 20.-

Visite guidate:
La prenotazione per gruppi è obbligatoria presso Bellinzonese e Alto Ticino Turismo – Infopoint Bellinzonese (tel. +41 91 825 21 31; bellinzona@bellinzonese-altoticino.ch).
Costo della visita guidata, della durata di 1 ora e comprensiva di biglietto d’entrata alla mostra, CHF 100.-/ per gruppi fino a 30 persone.

Per ulteriori informazioni: Bellinzonese e Alto Ticino Turismo Sede Bellinzonese
Palazzo Civico 6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 825 21 31
www.bellinzonese-altoticino.ch

Ago
12
sab
“Gotthardbahn – Linea di montagna che sorpresa!”. Mostra a Bellinzona dal 12 agosto 2017 al 7 gennaio 2018. @ Bellinzona
Ago 12–Ott 12 giorno intero

Dal 12 agosto al 7 gennaio 2018 gli spazi espositivi del Castello di Sasso Corbaro ospiteranno la mostra “Gotthardbahn-Linea di montagna che sorpresa!” Con questa esposizione si vuole ribadire ancora una volta la grande importanza del mantenimento della linea di montagna per la regione, grazie anche al suo notevole valore storico-culturale. L’inaugurazione è prevista per venerdì 11 agosto alle ore 18.00.

12082017_Mostra sulla storia ferrovia a Belli_Personaggi in partenzaL’OTR Bellinzonese e Alto Ticino è lieta di accogliere nelle sale del Castello di Sasso Corbaro un’esposizione che vi rimanderà nel passato. Il percorso della mostra intende raccontare il lungo viaggio della Linea di montagna del Gottardo, attraverso foto, testimonianze, filmati, audio e un modellino che permetteranno al visitatore di scoprire questa tratta ferroviaria che nasconde ancora oggi numerose e preziose perle.

La mostra bilingue (italiano-tedesco) vuole valorizzare la storica Linea del Gottardo con uno sguardo al passato e un occhio al futuro, in particolar modo per quel che concerne lo sviluppo economico e sociale del territorio. Le innumerevoli attrazioni paesaggistiche e monumentali della zona conferiscono a questa regione un valore storico-culturale notevole. Sia nella storia che negli anni recenti, numerosi viaggiatori, tra i quali anche Goethe, hanno saputo apprezzare gli scorci che le valli lungo linea offrono.

La tratta del Gottardo propone una vasta scelta di attrazioni come ad esempio Giornico con le sue sette chiese, testimonianza dell’epoca romanica, con i musei, il paesaggio naturalistico unico che si presenta sul culmine del Passo fino ad arrivare a Göschenen. La mostra introduce anche alcune nuove attrazioni, Mondo delle Esperienze Ferroviarie San Gottardo a Biasca e l’esperienza dello spazio a Schöllenen, che sono in fase di progettazione. Bisogna ricordare come durante la fine dell’Ottocento il viaggio sulla tratta del Gottardo era un “must” per pochi viaggiatori facoltosi e come questo viaggio meraviglioso oggi possa essere alla portata di tutti coloro che vogliono vivere questa esperienza. Nel corso del Novecento le valli si aprono ad un flusso turistico che permetterà ai visitatori di respirare aria più fresca e che porterà uno sviluppo economico importante.

Fondamentale mantenere la Linea di montagna del Gottardo. Concetto questo più volte ribadito nella strategia della nostra OTR sia per il valore storico-culturale sia per l’impatto economico positivo che ha avuto, non solo per lo sviluppo di questa regione di montagna ma anche per le città come Bellinzona. Il Consiglio federale nel 2014 ha inoltre ricordato questo concetto affermando che la tratta continuerà a essere in funzione e dovrebbe rientrare tra le strutture patrimonio dell’UNESCO.
L’inaugurazione della mostra è prevista per venerdì 11 agosto alle ore 18.00. Le visite guidate per gruppi saranno disponibili su prenotazione da agosto a gennaio, 7 giorni su 7.
Descrizione degli spazi espositivi

Sala 1: Il San Gottardo deve essere visitato
Verrà proiettato un filmato di un viaggio in treno passando dalla regione del Gottardo, nella sala troverete guide, cartoline e manifesti turistici. Sarà esposto anche un modellino di carrozza di lusso.

Sala 2: Dal castigo di Dio all’avventura romantica del passaggio del Gottardo
Sei persone raccontano il loro viaggio. Nel XII secolo il passaggio del Gottardo era considerato come una punizione di Dio, nel XVIII secolo un antenata di Lady Diana racconta di un avventura emozionante, mentre nel XX secolo il viaggio con la ferrovia è un qualcosa per tutti.

Sala 3: I turisti dell’automobile sviluppano economicamente la Leventina e Uri:
Un murales di foto racconta come il Passo è diventato accessibile per tutti dopo la seconda guerra mondiale: l’autostoppista, i ragazzi in motorino, le roulottes. Le immagini raccontano le avventure, gli ingorghi e gli incidenti. Le interviste televisive del 1980 testimoniano di come il traffico era sia una benedizione che una maledizione.

Sala 4: Dalla linea di montagna alla strada panoramica del Gottardo
Oggi la linea tra Biasca e Erstfeld offre una vasta offerta turistica-culturale, ancora poco conosciuta. Una ricca cultura sia di sport invernali e estivi come anche le storie del traffico al Gottardo sono sempre in primo piano. Chi ha mai visitato Göschenen? E la Congiunta a Giornico? Le sculture dell’artista Hans Josephson? Stupirsi ne vale la pena!
Per maggiori informazioni sul curatore:
Kilian Elsasser, Curatore della mostra e Direttore di Museumsfabrik www.museumsfabrik.ch

Informazioni pratiche:
Orari d’apertura Castello di Sasso Corbaro:
Da agosto a fine ottobre 10.00-18.00 Da novembre a gennaio 10.30-16.00

Prezzi d’entrata:
Adulto: Fr. 15.-
Ridotto/studenti: Fr. 7.50
Famiglia: Fr. 20.-

Visite guidate:
La prenotazione per gruppi è obbligatoria presso l’Organizzazione Turistica Regionale Bellinzonese e Alto Ticino (tel. +41 91 825 21 31; bellinzona@bellinzonese-altoticino.ch).
Costo della visita guidata, della durata di 1 ora e comprensiva di biglietto d’entrata alla mostra, Fr. 100.-

Per ulteriori informazioni: Bellinzonese e Alto Ticino Turismo
InfoPoint Bellinzona, Palazzo Civico, 6500 Bellinzona Tel. +41 (0)91 825 21 31
www.bellinzonese-altoticino.ch

Set
1
ven
EVENTI IN PROGRAMMA A FAIDO, MEDIA LEVENTINA: SETTEMBRE 2017 @ Faido (MediaLeventina)
Set 1–Set 30 giorno intero

Faido piazza 1 settembre, collegamenti in diretta dalle 16 alle 17 con la squadra esterna di Rete Uno.

Faido palestra del centro scolastico 2 settembre, alle ore 15.00 viene ufficialmente consegnata alla popolazione l’installazione “Viaggi tra le lingue”, progetto realizzato da Civic City per incarico della Fondazione Oertli in occasione del 50°anniversario. Il progetto, costituito da installazioni grafiche di letteratura multilingue realizzate a mano nello spazio pubblico, ha il pregio di valorizzare la ricchezza del plurilinguismo presente nel territorio svizzero e favorire i contatti fra le diverse regioni linguistiche della Svizzera grazie alle altre installazioni realizzate a Biel/Bienne, Nyon, Rapperswil-Jona, Sierre/Sion e Sagliains. Lo stesso giorno alle ore 14.00 partenza dalla stazione per una escursione a piedi visionando le opere accompagnati dagli autori (www.civic-city.org/linguas)

Carì 2 settembre alle ore 10.00 prende avvio l’ormai tradizionale torneo di calcetto organizzato dal team spatasc (www.spatasc.ch )

Faido domenica 3 settembre, la Pro Faido e la Pineta del Patriziato accolgono l’associazione Pro Kind per il loro raduno annuale (www.prokind.ch)

Ostello di Faido 14 settembre alle ore 20.00, conferenza con Patrick Grassi dal titolo “tra salute e malattia c’è l’essere umano”. Ingresso libero

Faido piazza 16 settembre dalle ore 18.00 “Fait in fescta” evento organizzato da ProFaido con degustazione birre, cena e serata in musica (www.pro-faido.ch)

Durante l’evento alle ore 20.15 presso la palestra del centro scolastico si terrà il concerto del Coro SCAM e Coro Dolomiti di Trento organizzato da Pro Carì per il 50mo (www.pro-cari.ch)

Carì domenica 17 settembre Pro Carì festeggia i suoi 50 anni. 10.45 santa messa allietata dal Coro Dolomiti. Pranzo presso il capannone con momento ufficiale e pomeriggio ricreativo (www.pro-cari.ch)

Chironico domenica 17 settembre, Festa di San Maurizio con Santa Messa alle ore 10.45 seguita da aperitivo e banco del dolce.

Faido domenica 17 settembre raduno delle sezioni cantonali dei veterani pompieri (www.pompieriticino.ch)

Emmenbrücke, vicino a Lucerna, domenica 24 settembre alle ore 15.00 verrà riproposto l’evento dedicato a Samuel Butler “Viaggiatori dell’800 fra San Gottardo e Leventina, cronache di un camminatore inglese e di altri viandanti”, vincitore del concorso PonTI culturali-Gottardo 2016. Guida del viaggio Michele Fazioli, musiche di Andrea Cupia con la Filarmonica Faidese, immagini di Nicolas Joray. Per chi fosse interessato alla trasferta può scrivere a: turismo@faido.ch.

Faido Ostello 28 settembre alle ore 20.00, conferenza con Patrick Grassi dal titolo “placebo e nocebo”. Ingresso libero

Faido Chiesa di S. Andrea 29 settembre ore 18.00, inaugurazione dell’esposizione dei lavori accademici di restauro e recupero della Sostra di Faido, l’edificio più antico del capoluogo. L’esposizione sarà poi visitabile tutti i giorni a Faido presso l’Oratorio di S. Bernardino da Siena dalle 10 alle 17. Ingresso libero

Valle Predelp, Pian Cavallo 30 settembre, festa dell’Alpe La Meseda (www.marachiei.com)

Le locandine delle manifestazioni sono scaricabili nella sezione eventi del sito: www.faido.ch

Set
14
gio
“Si vis pacem para bellum” Spazio espositivo Ex-Macello,Lugano (14-24 sett.2017) @ Lugano
Set 14–Set 24 giorno intero

Si vis pacem, para bellum

Lugano 13 settembre 2017. Visarte inaugura il 14 settembre un’esposizione all’Ex Macello di Lugano. Una “OFF” allestita nell’ambito della fiera wopart 2017.

Con questa mostra Visarte Ticino vuol celebrare l’ingresso dei curatori che operano per l’associazione, le nuove proposte espositive e i nuovi membri attivi.
Visarte è l’associazione di artisti professionisti riconosciuta a livello federale. È un importante interlocutore della politica a livello cantonale come pure federale a tal punto che il consigliere federale Alain Berset, in occasione dei 150 anni dell’associazione, ricordò che se la Svizzera dispone di una Politica artistica lo si deve in gran parte a Visarte, che in passato ha potuto contare tra i suoi soci membri del peso di Ferdinand Hodler, Max Bill, Varlin, Johaness Itten, per citarne alcuni.
Con un gioco di parole i tre curatori dell’allestimento, Antonella Barone, Simon David e Riccardo Lisi, hanno voluto mostrare il desiderio di affrontare a viso aperto l’eterogeneità delle concezioni artistiche anche nel medesimo territorio, esponendo oltre venti opere di artisti locali e non solo. Alcuni lavorano oltre Gottardo, per cui uno dei progetti della mostra invita il pubblico a dialogare e a riflettere sull’evasione dal territorio.
Una mostra che coinvolge la figura del curatore come parte del processo creativo, assurgendo, in collaborazione con gli artisti, a creatore di mostre ed allestimenti.
La mostra propone un approccio sperimentale e non commerciale ed offre l’occasione di festeggiare, segnalare e sperimentare la nuova collaborazione tra curatori e Visarte.
Alla presenza del Sindaco Marco Borradori, del capo Dicastero attività culturali, sport e eventi Roberto Badaracco che hanno portato il loro saluto, Visarte ha voluto presentarsi e sottolineare alcuni aspetti per i quali si distingue e si impegna: l’importanza dell’arte e degli artisti del luogo per lo sviluppo del territorio.
Visarte ha celebrato l’anno scorso il 150esimo, fondata a Ginevra il 1° maggio 1866 come “Società svizzera dei pittori e degli scultori” ha tra i suoi obiettivi rafforzare ed incentivare la produzione artistica locale, sia arte intesa nel senso classico, così come l’interazione tra le diverse forme di espressione artistica, non da ultimo l’architettura; in quanto l’arte negli spazi pubblici conferisce una dimensione sensoriale.

L’arte e le espressioni artistiche locali danno espressione all’identità del luogo e la tramandano per le future generazioni, un tema che sta particolarmente a cuore a Fabiola Quezada, presidente di Visarte. Una delle peculiarità dell’associazione è offrire ai propri associati anche la possibilità di soggiornare durante sei mesi in un atelier a Parigi per uno scambio interculturale, la raccolta e l’elaborazione di nuove impressioni ed aprire gli orizzonti.

I curatori sono entrati nel merito dei dettagli dell’allestimento raccontando la scelta di artisti ed opere e in chiusura, insieme ad alcuni artisti, hanno accompagnato i presenti a una visita guidata tra le opere.
L’allestimento all’Ex Macello di Lugano sarà inaugurato con un evento e il DJ agent Saturateur,
giovedì 14 settembre alle ore 20:30 e rimarrà aperto al pubblico fino al 24 settembre.
Per ulteriori informazioni: www.visarte-ticino.ch

14-24sett2017_Visarte_Lugano ex macello mostra 21 artisti

(Nella foto ETiCinforma.ch/Bosia Roberto: gli arrtisti presenti durante la conferenza di presentazione)

 

Vedi galleria fotografica di parte delle opere esposte. (Foto di ETiCinforma.ch/Roberto Bosia)

Set
15
ven
L’opera d’arte “Gestures of the Elements” per tre settimane all’USI Lugano dal 15 sett. x tre settimane. @ Lugano
Set 15–Ott 6 giorno intero

Per le prossime tre settimane l’USI ospiterà sul campus di Lugano l’opera “Gestures of the Elements”. L’installazione è stata presentata questa mattina in occasione dell’inaugurazione anno accademico 2017-2018, alla presenza dell’autore – il noto artista e filosofo tedesco Rudolf zur Lippe – e del Rettore dell’USI Boas Erez.

L’opera consiste in un rotolo di 30 metri che simboleggia il movimento degli elementi, originariamente concepito per svilupparsi sull’altezza dell’atrio della sala concerti Harpa a Reykjavik. All’USI l’opera è riproposta in versione ridotta nel foyer dell’Aula magna del campus di Lugano, dove è possibile visitarla per le prossime tre settimane.

“L’energia e il movimento presenti nell’opera sono paragonabili al turbinare di uno stormo di uccelli che si alza in volo. Movimenti che vorticano in sé stessi, come le perle d’aria nell’acqua che inizia a bollire”, afferma l’autore dell’opera, sottolineando come essa appartenga a luoghi “dove il suo grande slancio verso l’alto può restare lo stesso”, come all’USI.

Il Rettore Boas Erez si è detto lieto di ospitare sul campus di Lugano questa opera d’arte, soprattutto perché “illustra con efficacia il movimento, un tema che è molto difficile rendere. Una sfida che affrontiamo spesso anche noi come Università, quando cerchiamo di spiegare il fermento che c’è tra le nostre mura”. Inoltre, conclude il Prof. Erez, “questa iniziativa attesta la volontà dell’USI di proporsi sempre di più al suo territorio e alla sua comunità anche come luogo di cultura, non solo di scienza e insegnamento”.

Orari di apertura speciali dell’Aula magna nelle prossime tre settimane:

– 15 settembre – 17 settembre, 11:00 – 17:00
– da martedì a sabato, 14:00 – 17:00.

L’entrata è libera.

Set
16
sab
Mostra Fotografica e di Sculture a Bissone (16, 17 e 23, 24 settembre 2017) @ Bissone
Set 16–Set 24 giorno intero

Il 16 e 17 poi il 23 e il 24, alla Galleria Lo Scorcio a Bissone, si terrà la mostra fotografica dell’artista Leila Somazzi, mostra intitolata L’in-naturale, insieme a quella dello scultore Dario Verda, denominata L’arte di dire senza troppo parlare.

Il Vernissage avrà luogo alle ore 11 del 16.09.2017 e la mostra rimarrà aperta fino alle ore 20. Gli altri giorni la si può visitare dalle ore 10 alle ore 20.

Dario Verda è l’autore di una scultura che orna lo stupendo Lungolago di Bissone che si presta da cornice per l’Evento. Leila Somazzi è un’Artista ticinese di molteplici talenti: fotografa, scrittrice e pittrice.

Una chicca del panorama locale, da vedere!

Set
17
dom
Alla Rivabella Art Gallery di Magliaso da domenica 17 settembre. Lilly Polana, dipinti con francobolli, mostra e catalogo @ Magliaso
Set 17–Ott 27 giorno intero

È molto raro, forse unico il genere espressivo di Lilly Polana. Dipinge senza usare pennelli; colora senza pigmenti ad olio, acrilici, tempere o quant’altro; disegna, ma presto le tracce scompaiono. Eppure i suoi sono quadri belli, colorati, luminosi. Raffigurano animali, soprattutto cani e gatti, ma anche fiori, paesaggi cieli. Qualche volta soggetti più impegnati come la pace, la fratellanza, il mondo, il dialogo. In ogni caso per “dipingere” Lilly Polana utilizza solo francobolli, che dispone con estrema perizia. Francobolli svizzeri e di tutto il mondo, grandi e piccoli, nuovi e vecchi, scelti in base al colore, alla grafica, alla filigrana, alla scrittura. I francobolli sono la sua tavolozza.
La singolare pittura di Lilly Polana è sempre più sorprendente. Più quadri, novità sul piano tecnico, dei materiali e dell’impaginazione dell’opera, più mostre, una dedizione assidua, quasi ossessiva alla “sua” pittura. E sempre più apprezzamenti. “Oh che meraviglia” si sente spesso esclamare dinanzi alle sue opere. La meraviglia non è data solo dalla simpatia per i soggetti o dalla “materia prima”, i francobolli. Nasce dalla sorpresa per una tecnica nuova perché nessuno ha mai “dipinto” usando unicamente francobolli. Sono stati utilizzati nei collages, inseriti accanto ad altre carte o materiali, con il compito di rappresentare se stessi e la loro funzione, ma mai da soli. Fino a quando vent’anni fa Lilly Polana ha iniziato con questa particolarissima, impegnativa ma piacevole tecnica.
Una mostra di quadri dipinti con francobolli da Lilly Polana si inaugura domenica 17 settembre (vernissage dalle ore 11) alla Rivabella Art Gallery di Magliaso. Sono esposte una sessantina di opere inedite, che raccontano storie di gatti e di cani, di pesci e di altri animali, di fiori e di cieli, ma anche storie riferite a speranze per questo nostro mondo. Nell’occasione verrà presentato il libro “Lilly Polana. Animali, fiori e… francobolli” curato da Dalmazio Ambrosioni per le Edizioni Arte e Comunicazione di Porza, con un saggio critico, un profilo dell’artista e le opere degli ultimi 4 anni.

Artista Lilly Polana
Titolo mostra “Animali, fiori, francobolli… che passione””
Opere collages con francobolli
Dove Rivabella Art Gallery, via Ressiga 17, 6983 Magliaso.
Durata 17 settembre-27 ottobre 2017. Tutti i giorni 10-18. Entrata libera.
Vernissage Domenica 17 settembre ore 11. Aperitivo e buffet offerti.
Segue intrattenimento musicale con il Trio Tito Pescia.

L’artista invita ad una visita guidata in Galleria domenica 8 ottobre dalle ore 14.
Finissage domenica 22 ottobre ore 11 con concerto del Trio Tito Pescia. Aperitivo offerto.

Lilly Polana è nata a Berna, ha abitato a lungo a Caslano, ora vive e lavora a Montagnola. E mail: info@lillypolana.ch. L’arte ha sempre ritmato la sua vita, dapprima con la pittura tradizionale ad olio e poi realizzando i suoi collages esclusivamente con francobolli di tutto il mondo, ritagliati e incollati con sapienza dando vita a soggetti di affascinante vivacità e freschezza, ricchi di colore e di sentimento. Questo suo genere pittorico incontra un grandissimo favore presso il pubblico. Ama la musica, da anni si esibisce in concerti pubblici suonando l’armonica cromatica con grande virtuosismo.

Set
21
gio
Costruisci il tuo Futuro a Giubiasco dal 21 al 23 settembre 2017. (swiss-skills) @ Giubiasco
Set 21–Set 23 giorno intero

Con il motto “Costruisci il tuo Futuro” dal 21 al 23 settembre si terrà la terza edizione dell’evento Porte Aperte & TicinoSkills presso il Centro di formazione professionale SSIC di Gordola.

Quindici Associazioni professionali saranno presenti per presentare al pubblico le professioni del settore artigianato-edile:

Società impresari costruttori
Il falegname “l’uomo che fa”
Associazione costruttori in legno sezione Ticino e Moesano
Costruttori delle vie del traffico
login formazione professionale – costruttori di binari
Jardin-suisse sezione Ticino
AM Suisse Ticino
Suissetec sezione Ticino
Associazione Installatori Elettricisti Ticinesi
Intérieursuisse
Associazione pittori e scultori ticinesi
Associazione ticinese posatori di pavimenti
Associazione svizerra delle piastrelle – sezione Ticino
Associazione Svizzera dei trasportatori stradali
Associazione ticinese mastri gessatori

Scopri il campione che c’è in te!

Dieci professioni in gara con l’obiettivo di decretare il campione o la campionessa ticinese.

Autista veicoli pesanti
Carpentiere
Elettricista
Falegname
Giardiniere-paessagista
Meccanico in tecnica agricola
Metalcostruttore
Muratore
Pittore-decoratore
Saldatore

Premiazione TicinoSkills e Campionati svizzeri per gli Impiegati del commercio al dettaglio: sabato 23 settembre alle ore 17.30 al centro SSIC di Gordola

Per maggiori dettagli clicca qui

Set
22
ven
IL MERCATO DEL VENERDÌ IN FESTA – AUTUNNO AL MERCATO (Chiasso, 22 sett.2017) @ Chiasso
Set 22 giorno intero

Al mercato di Chiasso l’estate lascia posto all’autunno con nuovi profumi e colori.
Dopo il caldo torrido ormai quasi dimenticato, al mercato si fa spazio l’aria frizzante del mattino portando tra le bancarelle degli ambulanti novità tutte da scoprire e anche da assaggiare.
Torna anche l’appuntamento con i VENERDÌ DI FESTA. Venerdì 22 settembre sarà l’occasione per dare il benvenuto alla nuova stagione, musica, degustazioni e un piccolo omaggio accoglieranno i clienti del mercato che tra le 10.00 e le 12.00 passeranno tra le bancarelle del mercato.

LA FAMIGLIA DIMITRI: DIMITRIGENERATIONS (Verscio, 22 settembre 2017) @ Verscio
Set 22 giorno intero

LA FAMIGLIA DIMITRI: DIMITRIGENERATIONS

Con: Masha Dimitri, Nina Dimitri,
Samuel Müller, Silvana Gargiulo

Venerdì 22 settembre 2017 ore 20.30
Mercoledì 4 ottobre 2017 ore 20.30
Una splendida eredità artistica formata da due generazioni magiche ed uniche nel loro genere. Un’opera collettiva nella quale ogni membro della famiglia Dimitri può esibire il proprio talento artistico.

Set
23
sab
SEZ. SCOUT CATTOLICI DI FAIDO: CALENDARIO ATTIVITÀ SETTEMBRE – DICEMBRE 2017 @ Faido
Set 23–Dic 9 giorno intero

SEZ. SCOUT CATTOLICI DI FAIDO: CALENDARIO ATTIVITÀ SETTEMBRE – DICEMBRE 2017

23 SETTEMBRE RIPRESA ATTIVITÀ IN SEDE
7 OTTOBRE RIUNIONE IN SEDE
21 OTTOBRE RIUNIONE IN SEDE
11-12 NOVEMBRE USCITA SEZIONALE ( seguiranno info)
25 NOVEMBRE RIUNIONE IN SEDE
30 NOVEMBRE ORE 20:00 ASSEMBLEA ANNUALE
2 DICEMBRE RIUNIONE IN SEDE
3 DICEMBRE MESSA DI S. ANDREA

9 DICEMBRE NATALE SCOUT ( seguiranno info)

ORARIO DELLE RIUNIONI: DALLE ORE 14.00 ALLE ORE 17.00
RICORDIAMO CHE
 Alle riunioni si partecipa SEMPRE in divisa
 Tutti devono portare le pantofole in sede
 Chi non può partecipare alle riunioni per malattia o altro
deve avvisare un capo appena possibile
Per i lupetti: Raquel/Enter 077 426 8093
Per gli esploratori: Giotto/Hathi 079 952 5865

Come sempre sono graditi torte e dolcetti per la merenda. Laura D’Odorico vi contatterà.
Grazie di cuore a tutti!

5 Giornata agricola leventinese ad Ambri il 23 settembre 2017 @ Ambri
Set 23@09:00–17:00

Giunta alla sua 5a edizione, la Giornata Agricola Leventinese si terrà il prossimo 23 settembre presso l’Aerodromo di Ambrì. Mucche, capre, pecore, cavalli, asini, suini, galline, conigli e anatre faranno da cornice alla 27esima rassegna dei formaggi leventinesi

Sabato 23 settembre dalle ore 09.00 all’Aerodromo di Ambrì (zona Hangar 6) sarà possibile assaggiare e acquistare il meglio della produzione casearia degli Alpi leventinesi. Saranno molteplici gli alpigiani presenti che fino alle ore 16.00 esporranno i loro prodotti. Quale miglior occasione per il pubblico per confrontare e quindi scegliere ciò che più soddisfa il proprio palato. Alla rassegna saranno presenti pure bancarelle con prodotti gastronomici ed artigianali e venditori ambulanti.

Dalle ore 10.00 lo spettacolare momento della transumanza con un colorato corteo di mucche, manze, cavalli e capre che partirà dalla stazione FFS di Ambrì per arrivare all’aerodromo. Gli organizzatori dell’evento invitano tutti gli interessati ad accompagnare i vari gruppi che animeranno la transumanza attraverso le vie del paese; per orientarsi basterà seguire il ritmo della musica della Filarmonica Alta Leventina oppure il rombo dei motori dei Trattori d’epoca.

Altri momenti musicali con il Gruppo Ticinese Corno delle Alpi e la Filarmonica Alta Leventina saranno previsti sull’arco della giornata. Per l’occasione verrà allestito il “Villaggio della Musica” aperto a tutti. Dalle ore 14.00 alle ore 16.00 diretta radio RSI Rete Uno con Fabrizio Casati che conduce il programma enogastronomico “Gustando”.

Alle ore 14.00 è prevista una divertentissima staffetta in chiave agricola e tanto altro ancora. Durante la giornata vi sarà inoltre la possibilità di effettuare dei giri su cavalli per bambini proposti da Leventina Western di Osco. Per chi volesse partecipare all’AgriStaffetta sono ancora aperte le iscrizioni, basta annunciare la propria squadra composta da 3 concorrenti scrivendo una e-mail a martina.bossi.ambrì@gmail.com oppure telefonando al numero 079 134 11 26 oppure 079 904 27 94. Sono assicurati divertimento in primo luogo e premi per tutti.

All’interno dell’Hangar 6 sarà possibile pranzare grazie alla cucina gestita dalla Gioventù Rurale Leventinese, inoltre sull’area espositiva ci saranno altri punti di ristoro.

Per saperne di più: www.bellinzonese-altoticino.ch

23092017_5 giornata agricola leventinese
Il Villaggio Croce Rossa si presenta a Lugano il 23 settembre 2017 @ Lugano
Set 23@10:00–18:00

In occasione del suo Centesimo anniversario di presenza nel Luganese, Croce Rossa Ticino, Sezione del Sottoceneri ha organizzato il 23 settembre 2017 una giornata in Piazza della Riforma a Lugano, per presentare alla popolazione in un ‘Villaggio Croce Rossa’ appositamente allestito tutti i servizi che CRS offre a favore dell’infanzia, degli anziani, dei migranti e dei più fragili in generale.
La manifestazione si apre il 23 settembre 2017 alle 10.00 con una straordinaria sfilata di moto Harley Davidson. Durante la manifestazione che continuerà nel pomeriggio, nel Villaggio Croce Rossa saranno allestiti tredici stand informativi che riguardano i diversi settori, gestiti dai volontari e dal personale di Croce Rossa, a cui si aggiungono quelli del Settore Corsi di Croce Rossa Ticino e delle associazioni partner, quali i Samaritani, la Redog e la Società Svizzera di Salvataggio. Sarà presente anche il Servizio Trasfusionale della Svizzera Italiana che offrirà, con un apposito veicolo, la possibilità di donare il proprio sangue.
Alle 15.00 sul palco ci sarà una sfilata di moda dedicata ad abiti (d’occasione) in vendita nel negozio CRS di Via Zurigo e a una collezione realizzata da 25 studenti della Scuola specializzata superiore di Tecnica dell’Abbigliamento e della moda di Lugano (STA) che hanno ideato e realizzato con Sara Campidelli, Senior Apparel Product Developer di The North Face® una vera e propria collezione con tessuti di VF Corporation come Vans®, The North Face®, Napapijri® che altrimenti sarebbero andati al macero.
Durante la giornata sono previsti intrattenimenti, momenti di gioco e creativi per i bambini, conferenze a tema, danze etniche e un incontro con lo scrittore Giovanni Fontana (premio svizzero di letteratura 2016). Sarà anche presente come ospite di grande richiamo il Circo Fortuna, con uno spettacolo in piazza.
Ospite d’eccezione a conclusione della manifestazione sarà Leo Leoni dei Gotthard, che salirà sul palco in compagnia dei bambini del Centro Insieme di Croce Rossa. L’evento inizierà a partire dalle 10.00 e si concluderà a fine pomeriggio.

EVENTI SPECIALI

-Il Servizio Biblioteca CRS ha il piacere d’invitare il pubblico alle ore 15.00 presso il Municipio di Lugano all’incontro con lo scrittore Giovanni Fontana, Premio svizzero di letteratura 2016, il quale, dialogando con il pubblico e con il prof. Teodoro Lorini, presenterà il suo recente libro “Breve pazienza di ritrovarti. Nel gorgo di salute e malattia” (Interlinea, Novara 2015)

-Nella sala conferenze del Municipio, alle ore 14.00, conferenza “Alimentazione equilibrata in pratica al quotidiano” con Pamela Beltrametti, Dietista ASDD Segue merenda sana per tutti.
-In collaborazione con Diabete Ticino: Misurazione della glicemia e della pressione arteriosa durante tutta la giornata.
(-Agenda: Villaggio Croce Rossa, In occasione del Centesimo anniversario di presenza nel Luganese della Croce Rossa Ticino, Sezione del Sottoceneri. Lugano, Piazza della Riforma 23 settembre 2017. Dalle 10.00 a fine pomeriggio)
-Per altre informazioni:
Croce Rossa Svizzera
Sezione del Sottoceneri
Via alla Campagna 9 C.P. 4064 6904 Lugano
Tel: +41 91 973 23 11
Fax: +41 91 973 23 24
Email: cattaneo@crs-sottoceneri.ch
www.crs-sottoceneri.ch

Il Villaggio Croce Rossa si presenta a Lugano il 23 settembre 2017 a Lugano @ Lugano
Set 23@10:00–18:00

Lugano, 5 settembre 2017 – In occasione del suo Centesimo anniversario di presenza nel Luganese, Croce Rossa Ticino, Sezione del Sottoceneri ha organizzato una giornata in Piazza della Riforma a Lugano, per presentare alla popolazione in un ‘Villaggio Croce Rossa’ appositamente allestito tutti i servizi che CRS offre a favore dell’infanzia, degli anziani, dei migranti e dei più fragili in generale.
La manifestazione si apre alle 10.00 con una straordinaria sfilata di moto Harley Davidson. Durante la manifestazione che continuerà nel pomeriggio, nel Villaggio Croce Rossa saranno allestiti tredici stand informativi che riguardano i diversi settori, gestiti dai volontari e dal personale di Croce Rossa, a cui si aggiungono quelli del Settore Corsi di Croce Rossa Ticino e delle associazioni partner, quali i Samaritani, la Redog e la Società Svizzera di Salvataggio. Sarà presente anche il Servizio Trasfusionale della Svizzera Italiana che offrirà, con un apposito veicolo, la possibilità di donare il proprio sangue.
Durante la giornata sono previsti intrattenimenti, momenti di gioco e creativi per i bambini, conferenze a tema, danze etniche, una sfilata di moda e un incontro con lo scrittore Giovanni Fontana (premio svizzero di letteratura 2016). Sarà anche presente come ospite di grande richiamo il Circo Fortuna, con uno spettacolo in piazza.
Ospite d’eccezione a conclusione della manifestazione sarà Leo Leoni dei Gotthard, che salirà sul palco in compagnia dei bambini del Centro Insieme di Croce Rossa. L’evento inizierà a partire dalle 10.00 e si concluderà a fine pomeriggio.
(-Agenda:

Villaggio Croce Rossa, In occasione del Centesimo anniversario di presenza nel Luganese della Croce Rossa Ticino, Sezione del Sottoceneri. Lugano, Piazza della Riforma 23 settembre 2017. Dalle 10.00 a fine pomeriggio)

“Piccoli Germogli verso la PACE” a Locarno il 23 settembre 2017 @ Locarno
Set 23@14:00–19:00

“Per calmare le acque nel mondo è necessario prima calmare le proprie acque interiori”, così ci disse un giorno una Grandmother Waitaha – popolo nativo della Nuova Zelanda.
Con questo spirito è nata la giornata “Piccoli Germogli verso la PACE”, che si terrà a Locarno sabato 23 settembre, voluta ed organizzata da Patrizia Cotti, Elena Neacsu e Vittorio Mazzetta. (vedi foto sotto)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Durante questo evento verranno proposte attività gratuite che hanno quale comune denominatore l’intento di accompagnare chi partecipa in quello spazio interiore che è la pace.
La società nella quale viviamo tende ad allontanarci dal nostro centro, ragione per la quale si è voluto offrire un momento in cui immergersi al fine di ritrovare la serenità ed intensificarne la sensazione, affinché essa ci accompagni più sovente nel quotidiano.
Rallentare non significa fermarsi, bensì sostare, ascoltare e magari prendere la rincorsa per ripartire più carichi.
Un pomeriggio, dalle ore 14 alle 19 circa, nel quale si susseguiranno attività di vario genere: danze sacre, yoga (sia per bambini sia per adulti), meditazione, un viaggio nella musica, una storia raccontata ed illustrata dal vivo, oltre ad uno spazio di dialogo per comprendere ulteriormente il significato dell’evoluzione della coscienza.
Un programma di 5 ore, durante il quale ognuno potrà inserirsi liberamente nelle attività in programma o condividere con noi le pratiche di tutto il pomeriggio.
Essere pace, quindi trasmettere la pace, affinché il mondo sia pace.

Vi aspettiamo sabato 23 settembre al Parco della Pace, a Locarno, In caso di pioggia? Ci saremo: allo Spazio ELLE, sempre a Locarno, e poco distante dal Parco della Pace, in Piazza G. Pedrazzini 12.

Clicca qui per il programma completo della giornata.

 

PEACEDRUMS: OLTRE 100 ARTISTI E ASSOCIAZIONI DA 14 PAESI PER UN MESSAGGIO DI PACE E DIALOGO NEL MEDITERRANEO @ Lampedusa (I)
Set 23@16:26–17:26

Il 23 settembre da Lampedusa il Mediterraneo risuonerà un concerto diffuso per trasmettere i valori di pace e accoglienza.

Roy Paci, Modena City Ramblers, Africa Unite, Eugenio Finardi, Lo Stato Sociale, sono solo alcuni degli artisti che hanno deciso di aderire e sostenere l’iniziativa di PeaceDrums insieme a Zibba, Francesco Taskayali, Punkreas, Raphael, Lele Sacchi, Tony Esposito, Pollio, Paolo Marzocchi, Enrico Intra, Alessandro Haber, Joxemi (Ska-p, Llendakaris Muertos) e Statuto, mentre dall’estero ci saranno Chekib Ainar, Emmanuel Chrysis, Sylvia Ponchai, Jimphabul, Julien Saïman, Walid Bub, Dit Bohème, Nadjib Sellal, Qalid Kadi.

Insieme all’Italia sono altri i 13 paesi uniti in questo grande progetto: Palestina, Siria, Egitto, Grecia, Francia, Spagna, Portogallo, Tunisia, Emirati Arabi, Algeria e Kenya, Slovenia, con la prestigiosa partnership USA di Playing For Change .
Con il patrocinio di Unesco, Senato della Repubblica, Emergency, Oxfam, Arci, Legambiente, Amref, Comune di Lampedusa e Linosa, Comune di Milano, Sos Méditerranée e altre associazioni.
L’evento sarà trasmesso in diretta da Radio Popolare.
Hanno aderito: Amani, Amicizia Sardegna-Palestina, Area Marina protetta Isole Egadi, Cittadinanza Attiva, Comune Comune di Isola delle Femmine, Comune di Messina, Comune di Pantelleria, Comune di SanSperate, Conservatorio di Palermo, Giardini in transito, Slow Food Sicilia, Isole Slow, La Bottega delle Percussioni, Libera Fest, Mare Culturale Urbano, Giardini in transito Mare Vivo, Orchestra dei Popoli, Ortygia Business School, Sonos Giardino Megalatico, Sound 36 ed molte altre associazioni da tutto il mondo.

SERATA MUSICALE CON LE VOCI DEL CORO SCAM E DEL CORO CASTELGRANDE IL 23 SETTEMBRE A CASTIONE @ Castione
Set 23@20:30

Serata CORI, Castione – sabato 23.09 ad ingresso libero
… LA VITA E’ CANTO
SERATA MUSICALE OFFERTA ALLA POPOLAZIONE CON LE VOCI DEL CORO SCAM E DEL CORO CASTELGRANDE
Appuntamento sabato 23 settembre presso la sala EVENTICA di Castione

23092017_LocandinaEventoCoro-web

… LA VITA E’ CANTO
SERATA MUSICALE OFFERTA ALLA POPOLAZIONE CON LE VOCI DEL CORO SCAM E DEL CORO CASTELGRANDE
Appuntamento sabato 23 settembre presso la sala EVENTICA di Castione

Un invito offerto a tutta la popolazione, un’occasione speciale per ascoltare alcune delle più belle voci del Ticino. Si tratta della serata “La vita è canto”, concerto di musica corale in programma sabato 23 settembre alle ore 20.30, presso la sala EVENTICA di Castione in Via San Gottardo 18a – zona industriale.

Sul palco della sala EVENTICA si esibiranno due storici cori del Cantone, il coro Società Corale Amici della Montagna (SCAM) di Giornico e il coro CASTELGRANDE. Il coro SCAM nasce nel 1963 a Giornico, in seno all’ex acciaieria Monteforno. “Cantare bene per volersi bene”, questo è il motto del coro virile leventinese composto da ca. 40 amici che diretti dal maestro Andrea Cupia, condividono l’interesse e la passione per il canto. Il repertorio iniziale, costituito prevalentemente da canti della montagna e degli alpini, è stato gradualmente ampliato con brani popolari, del repertorio classico e anche folcloristico d’altre culture.
Il coro CASTELGRANDE fu fondato nel 1994 nella sala di un ritrovo pubblico di Bellinzona. Composto da 25 voci miste, è diretto fin dalla sua fondazione dal Maestro Sergio Pacciorini-Job. Tre cd di cui l’ultimo inciso nel 2016, segnano un percorso particolarmente attivo del coro impegnato anche in manifestazioni oltre confine.

Durante la serata di sabato 23 settembre, i cori si esibiranno in canzoni accompagnate da video e interazioni multimediali. Numerosi posti a sedere garantiranno ai visitatori tutto il comfort della platea di un teatro. La location ospitante, la sala EVENTICA, è particolarmente apprezzata in Territorio per la dotazione tecnica all’avanguardia in grado di offrire ad un evento musicale, audio di qualità e un’ambientazione particolarmente curata. Partner della serata saranno le società EVENTMORE, LaMobiliare e Securitas; realtà particolarmente legate al territorio e ai sui artisti, patrimonio unico.

I presidenti dei cori ci anticipano qualche momento della serata. Da Luca Pasci, per il coro SCAM “Il coro SCAM proporrà alcuni canti tradizionali della montagna e brani popolari del repertorio classico e folcloristico d’altre culture. Un appuntamento da non perdere”. Da Fiorenzo Scerpella, per il coro CASTELGRANDE “Il coro CASTELGRANDE si contraddistingue sin dalla sua fondazione per non focalizzarsi su un unico genere musicale, in effetti ha regolarmente ampliato il proprio repertorio aggiungendo ai tradizionali canti folcloristici e della montagna brani variegati per stile, per epoca di composizione e per regione geografica. Durante questa serata verranno presentati una serie di brani tratti dall’ultimo CD a cui saranno abbinati dei video proiettati su grande schermo: una presentazione insolita di sicuro effetto!”.

L’appuntamento è alle ore 20.30 in sala EVENTICA presso il centro industriale CAST di Via San Gottardo 18a – Castione. L’ingresso alla serata “La vita è canto” è libero e gratuito, senza prenotazione per i posti a sedere.
Il centro CAST è raggiungibile in treno FFS e TILO oppure comodamente con autovettura tramite autostrada A2 – uscita Bellinzona Nord. Sono disponibili in loco posti macchina, ad esaurimento sarà possibile parcheggiare nel parking della stazione.

Per maggiori informazioni, consultare la pagina Facebook di EVENTICA.
Consigli per raggiungere la sala EVENTICA: www.eventica.ch

Set
24
dom
“ Strada in Festa – 9° Edizione ” il 24 settembre 2017 a Giubiasco @ Giubiasco
Set 24 giorno intero

Strada in Festa spegne le sue prime nove candeline, infatti, il 24 settembre (con qualsiasi tempo) prenderà vita la nona edizione del grande mercato che con le sue oltre 200 bancarelle, i 10 punti ristoro, l’animazione musicale, le attività per famiglie, le apprezzatissime postazioni di Rega, Croce Verde e tanto tanto altro rallegrerà la giornata di festa da Piazza Indipendenza a Piazza Grande nel quartiere di Giubiasco. Una manifestazione che è cresciuta negli anni soprattutto grazie allo spirito che la caratterizza: incontrarsi, conoscersi e divertirsi. Confermato, inoltre, l’apprezzato servizio di navette, organizzato già da alcuni anni in collaborazione con AutoPostale Regione Ticino, che sarà riproposto anche quest’anno con una chicca in più: l’occasione di viaggiare tra Bellinzona e Giubiasco anche a bordo del cabriolet AutoPostale, in città per l’occasione, con il sostegno del Comune di Bellinzona nell’ambito del Trasporto pubblico del Bellinzonese. L’offerta è, inoltre, completata dalla possibilità di acquistare il biglietto Arcobaleno Ticino Event beneficiando del 20% di sconto sui mezzi pubblici.

Nove edizioni che l’hanno vista crescere e diventare sempre più apprezzata. Nata con lo spirito di voler essere una sorta di abbraccio per avvicinare la popolazione di Bellinzona a quella di Giubiasco ha saputo raccogliere innumerevoli simpatie fra gli altrettanto innumerevoli frequentatori. Così, di pari passo, sono cresciuti anche la fedeltà e l’interesse degli oltre 250 espositori che aderiscono alla nostra manifestazione. È significativo il fatto che alcuni, di anno in anno, decidono di ampliare la superficie espositiva o di perfezionare le attività proposte.

Sono questi, più di altri, quei segnali che gratificano gli organizzatori del lavoro svolto e garantiscono nuovo slancio e dinamicità a Strada in Festa. Alla base di questo successo c’è senza ombra di dubbio lo spirito che caratterizza questa giornata: incontrarsi, conoscersi, svagarsi, divertirsi, dare vita ad un percorso che vuole unire sono i valori che accompagnano Strada in Festa sin dalla sua prima edizione.

L’appuntamento da non mancare è quindi domenica 24 settembre 2017 (L’EVENTO AVRÀ LUOGO CON QUALSIASI TEMPO). Gli espositori con la loro grande varietà di generi merceologici sapranno sicuramente attirare la vostra attenzione. Sempre lungo il percorso, potrete approfittare in tutta tranquillità delle proposte culinarie che 10 associazioni cittadine prepareranno. Una sosta vale la pena ed è anche un gesto di riconoscenza nei confronti di chi durante l’anno si impegna a favore dei giovani.

“Sinfonia del bosco a quattro mani” – Mucio e Katja Snozzi a Tegna dal 24 settembre – 5 novembre 2017 @ Tegna
Set 24–Nov 5 giorno intero

“Sinfonia del bosco a quattro mani” – Mucio e Katja Snozzi dal 24 settembre – 5 novembre 2017
Inaugurazione domenica 24 settembre alle 10.30

La Galleria Carlo Mazzi ospita fino al 5 novembre la mostra Sinfonia del bosco a quattro mani, che vede per la prima volta il compianto Alfredo Mucio Snozzi, e la moglie Katja esporre insieme una selezione di lavori completamente inediti realizzati a quattro mani.
Dettagli di cortecce, rocce, sassi, divengono paesaggi incantati, montagne, rive di fiumi, danze rituali, attraverso la rilettura della fotografia realizzata in coppia.
Mucio, laureato in giurisprudenza, è stato capo della Segreteria per la Svizzera italiana alla Cancelleria federale di Berna e segretario politico della Deputazione ticinese alle Camere federali, nonché professore all’Università di Ginevra (Facoltà di traduzione giuridica). Per 45 anni è stato inoltre l’autore dei cruciverba della rivista Cooperazione. Negli anni della pensione ha realizzato il suo voluminoso Lessico giuridico trilingue, pubblicato nel 2015.
Katja, affermata fotografa, ha realizzato vari reportage in zone di crisi o di conflitto e in regioni devastate da catastrofi. È stata fotografa accreditata a Palazzo federale e ha operato anche nel settore multimediale come libera professionista. Dal 2011 concentra la sua attenzione su realtà locali e nazionali. Ha realizzato un ciclo di fotografie sui centenari residenti in Svizzera dal quale sono nati il libro Anime centenni pubblicato nel 2016 e l’importante mostra La bambinaia di Rita Hayworth tenutasi lo scorso autunno al Museo Vela di Ligornetto.
Mucio e Katja hanno sempre condiviso la passione per la fotografia che li ha uniti negli ultimi anni in un progetto creativo di coppia: una sorta di processo d’astrazione, di una serie di fotografie realizzate da Mucio focalizzate principalmente sulle cortecce e i sassi del nostro territorio con l’intento, non di migliorare la realtà, ma di interpretarla a modo loro per trasmettere delle emozioni. L’idea si è trasformata in immagine, si è fatta arte in una delicata interazione tra artificio e natura.
Le opere di Mucio e Katja Snozzi divengono una narrazione sulla natura, che se ci prendiamo il tempo di osservare, ci apre un mondo: se ci soffermiamo per un attimo ad osservare questi lavori scopriamo che una corteccia ingrandita non è poi molto diversa dal paesaggio che la ospita visto dall’alto, ci offre lo spunto per una considerazione sul rapporto fra la natura e il cosmo, ma ci porta anche ad interrogarci sul nostro modo di vivere troppo spesso caratterizzato dalla fretta e dalla frenesia che ci impediscono di gioire delle cose semplici, ma colme di poesia che la natura ci offre proprio sulla porta di casa. Ma queste opere intendono anche farci sognare. Semplicemente osservando questi lavori e lasciandoci trasportare, potremo andare a spasso con la nostra fantasia attraverso paesaggi incantati, ognuno vedrà quello che vorrà, quello che il vissuto lo porterà a vedere… e lasceremo viaggiare le nostre emozioni e le nostre sensazioni, un po’, forse, come se guardassimo attraverso il foro di un caleidoscopio lasciando che le immagini pervadano i nostri sensi.
La mostra è accompagnata da un catalogo con testi di Riccardo Carazzetti e del poeta ticinese Daniele Bernardi che domenica 15 ottobre alle ore 16.00 incontrerà il pubblico in galleria e presenterà il suo testo Lettera allo specchio.
L’ inaugurazione avrà luogo domenica 24 settembre alle 10.30, introdurrà la mostra Riccardo Carazzetti.
La realizzazione del catalogo di questa mostra è stata possibile grazie al sostegno del Progetto Parco Nazionale del Locarnese, del Comune di Terre di Pedemonte, della Banca Raiffeisen Centovalli Pedemonte Onsernone, della Fondazione Cultura nel Locarnese e della Pro Centovalli e Pedemonte.
Orari d’apertura:
venerdì, sabato e domenica 15.00-18.00
Oppure su appuntamento telefonico 0041(0)792193938

Silvia Mina-Mazzi

Domenica 24 settembre a Lugano: IV TROFEO SCACCHISTICO JUNIORES DEL FUMETTO @ Lugano
Set 24 giorno intero

Il Ticino scacchistico sta vivendo una nuova era di crescita.
Tra i motivi anche la nascita del nuovo Grand Prix under 16 sostenuto dalla federazione scacchistica ticinese.
Domenica andrà in scena il quarto trofeo scacchistico under 16 all’interno della fiera del fuemtto.
La 2. edizione del Grand Prix U16 (tornei scacchistici semilampo; 15 min per giocatore) sono aperti a giocatrici e giocatori svizzeri o stranieri.
Il Grand Prix è iniziato già in gennaio con la XVII edizione del Memorial Barbero, la seconda tappa è proseguito in marzo con il III Festival EspoTicino a Bellinzona, e quindi recentemente la IV edizione del Festival Scacchistico Centro Breggia.
La novità di quest’anno è la copertura del Locarnese con la V tappa fissata per domenica 12 novembre, ore 14.00, in concomitanza con la Fiera EspoVerbano di Locarno (da mercoledì 8 a domenica 12 novembre). Alla fine del V evento verrà pure nominato il secondo campione in erba ticinese. Per domenica le iscrizioni sono ancora aperte: www.scaccomatto.ch

“Collaborazione transfrontaliera nella lotta alla criminalità”. Manifestazione del 24 sett. a Chiasso @ Chiasso
Set 24@09:00

Alti Ufficiali e Dirigenti delle Forze dell’Ordine svizzere ed italiane di incontrano a Chiasso per far conoscere al pubblico le iniziative congiunte di contrasto alla criminalità transfrontaliera

“Collaborazione transfrontaliera nella lotta alla criminalità” è l’oggetto della manifestazione che si terrà domenica 24 settembre 2017 dalle ore 9.00 presso il Palapenz di Chiasso organizzato dai Lions per la Regio Insubrica in collaborazione con la Comunità di Lavoro Regio Insubrica.
L’argomento è di grande attualità e vuole far conoscere il “Centro Comune di Cooperazione di Polizia e Doganale di Chiasso”, denominato CCPD, che rappresenta un significativo esempio di collaborazione transfrontaliera delle Forze dell’Ordine dei due Paesi e che opera sul territorio con eccellenti risultati.
Il nucleo della manifestazione si svilupperà con una tavola rotonda alle ore
11.15 alla quale parteciperanno i rappresentanti del Corpo delle Guardie di Confine della Confederazione, della Polizia Cantonale, della Polizia Comunale di Chiasso, dei Carabinieri e della Polizia di Stato. Prima della tavola rotonda, alle 10.00 e nelle prime ore del pomeriggio, si terranno nel vicino piazzale una serie di dimostrazioni pratiche di intervento delle diverse Forze dell’Ordine italo/svizzere ed una esposizione di materiali e veicoli in dotazione. Saranno anche presenti i Cani Guida dei Lions per i non vedenti con dimostrazione lungo un percorso ad ostacoli.

Vedi il flyer contenente il programma.

LE “RI-CREAZIONI” DELLE COREOGRAFIE DI LUCINDA CHILDS, RIPROPOSTE DALLA NIPOTE RUTH CHILDS (Ligornetto, 24 sett.) @ Ligornetto
Set 24@16:00

DOMENICA 24.9, ore 16.00//IL MUSEO VINCENZO VELA PRESENTA, IN ANTEPRIMA TICINESE, LE “RI-CREAZIONI” DELLE COREOGRAFIE DI LUCINDA CHILDS, RIPROPOSTE DALLA NIPOTE RUTH CHILDS

Abbiamo il piacere di informarvi che domenica 24 settembre, alle ore 16.00, al Museo Vincenzo Vela, verranno presentati – dopo il debutto al Festival de la Bâtie di Ginevra – in anteprima ticinese, alcune “ri-creazioni” di coreografie degli anni ’70 della nota coreografa Lucinda Childs, una delle protagoniste della danza contemporanee, insignita quest’anno dalla Biennale danza di Venezia del Leone d’oro alla carriera, ora riproposte dalla nipote Ruth Childs.

Questo importante appuntamento del programma collaterale che accompagna l’attività espositiva, in particolare la mostra in corso dedicata all’artista americano Lawrence Carroll, I Have Longed to Move Away, offre da un lato l’occasione di conoscere l’opera di Lucinda Childs, ma è anche un momento per mettere a confronto alcune delle esperienze artistiche che hanno attraversato gli Stati Uniti (e non solo) dalla metà degli anni ‘70 all’inizio degli anni ‘80. Periodo in cui Lawrence Carroll nel suo lungo vagabondare, e precisamente nel 1984, si trasferisce a New York.

www.museo-vela.ch

Max-Museo Chiasso: ULTIMI GIORNI MOSTRA “LA RINASCENTE” + VISITA GUIDATA GRATUITA 24.09.2017, ORE 16.00 @ Chiasso
Set 24@16:00

Domenica 24 settembre 2017 al m.a.x. museo si chiude la mostra “La Rinascente. 100 anni di creatività d’impresa attraverso la grafica”.
In occasione del finissage, viene proposta una visita guidata gratuita alle ore 16.00 (si paga solo il biglietto d’ingresso) a cura della direttrice e co-curatrice Nicoletta Ossanna Cavadini.
L’esposizione presenta oltre 500 materiali, fra cui manifesti anche di grandi dimensioni, locandine, pubblicità, cartoline, carte da imballo, biglietti d’auguri, bozzetti e campagne fotografiche. Un vero e proprio laboratorio di sperimentazione per la grafica e il design, grazie ad artisti, grafici, illustratori e fotografi che hanno saputo tradurre e interpretare con innovazione la ricercata eleganza, ma anche la grande diffusione dei prodotti rivolti verso l’ampio mercato.

Conferenza di CulturAltura che tratterà del tema delle CAMPANE (Biasca, 24 sett. 2017) @ Biasca
Set 24@17:00

La conferenza, si svolgerà una prima volta presso BIBLIOMEDIA a Biasca, Via G. Lepori 9, il 24 settembre 2017 e sarà ripetuta una prima volta ad Avegno, nella Sala Parrocchiale il 1° ottobre e una seconda volta a Tesserete presso l’Aula Magna delle Scuole medie il 22 ottobre 2017.

Tratterà diversi temi legati alle campane partendo dalla storia, passando per la fabbricazione, la tradizione campanaria e terminare con memorie e aneddoti legati all’attività di campanari.

I relatori saranno specialisti del settore: Romeo Dell’Era, ricercatore; Luca Papina, campanaro di Avegno; Patrizio Zurini, campanaro di Golino e Giampietro Wirz, ex docente.

Alcuni filmati aiuteranno lo spettatore a meglio comprendere le diversità dei suoni in relazione alle differenti circostanze.

Tutte le tre conferenze avranno inizio alle ore 17.00 e l’entrata è libera.

Conferenza tratterà di storia e di tradizione campanaria “Le campane” (Biasca, 24 sett. 2017) @ Biasca
Set 24@17:00

Associazione CulturAltura

LE CAMPANE
La conferenza tratterà di storia e di tradizione campanaria, la fabbricazione, memorie e aneddoti legati all’attività del campanaro.

Inizio alle ore 17.00 nei ritrovi seguenti:

Biasca, Bibliomedia 24.09.2017
Avegno, Sala parrocchiale 01.10.2017
Tesserete, Scuole medie 22.10.2017

Relatori:
Romeo Dell’Era, ricercatore di Tesserete, Luca Papina, campanaro ad Avegno, Patrizio Zurini, campanaro a Golino, Giampietro Wirz ex docente scuole medie

Entrata libera

Riparte la stagione teatrale al Teatro Paravento! “Hijas del viento” (Locarno, 24 sett.2017) @ Locarno
Set 24@19:00

Inizio della entusiasmante stagione teatrale

Autunno – Inverno 2017
Domenica 24 settembre, ore 19.00
“Hijas del viento”

Di e con Rossana Taddei: voce, chitarra – Raissa Avilés: voce –

Gustavo Etchenique: percussioni – Pedro Martinez Maestre: contrabbasso

Dopo anni di “pourparlers”, Rossana e Raissa trovano finalmente l’occasione di condividere i loro percorsi musicali. Hanno in comune un Ticino che chiamano “casa”, un gusto spiccato per la polenta, il desiderio di parlare bene il dialetto (ma “l’é mia fácil”) e il fatto che entrambe siano innamorate del folklore latinoamericano.
Una serata percorsa da canzoni provenienti da qui e da là, canzoni proprie e chicche trovate lungo il volo.

www.raissa-aviles.com
www.rossanataddei.com
Entrata: CHF 20.- / AVS, studenti e soci Ass. Teatro Paravento: CHF 15.-
Prenotazioni: 091 751 93 53, info@teatro-paravento.ch

Il Bar Paravento è aperto un’ora prima e alla fine degli spettacoli.

35 anni Teatro Paravento

Teatro Paravento

CP 1332 / CH-6601 Locarno

Tel/Fax +41 91 751 93 53

www.teatro-paravento.ch

Set
27
mer
«Quel ramo del lago di Como…» Lettura de I promessi sposi dal 27 settembre 2017 a Lugano @ Lugano
Set 27@18:00–19:30

Lugano, 18 settembre 2017 – Dopo le cinque lecturae Dantis sulla Commedia, l’Istituto di studi italiani dell’USI inaugura quest’anno un ciclo triennale dedicato ad Alessandro Manzoni e intitolato «Quel ramo del lago di Como…» Lettura de I promessi sposi.

Libro fortunatissimo ma poco amato, spesso banalizzato da pigre consuetudini di lettura, I promessi sposi sono, in realtà, un romanzo di straordinaria modernità, l’unico a porsi, nel primo Ottocento, all’altezza dei grandi capolavori della narrativa europea. Allo stesso tempo esso si propone nelle intenzioni stesse dell’autore come un testo “popolare”, un «libro per tutti», fatto che lo ha portato ad essere incluso nei programmi scolastici a partire dal 1870, affermandosi come testo identitario per la nuova nazione italiana.

Il ciclo di letture inizierà il 27 settembre con una lezione di Salvatore Nigro intitolata “I romanzi di Alessandro Manzoni” e continuerà, come gli scorsi anni, ogni mercoledì alle ore 18.00 nell’Auditorium dell’USI a Lugano. Ad esso prenderanno parte sia ospiti esterni, scelti tra i più autorevoli interpreti manzoniani, sia alcuni dei docenti dell’Istituto di studi italiani dell’USI. Le letture alterneranno l’analisi di specifici capitoli ad approcci di carattere trasversale che prenderanno spunto da personaggi o temi particolari.

Nell’abbozzo dei cosiddetti Materiali estetici Manzoni aveva dichiarato: «Ogni finzione che mostri l’uomo in riposo morale è dissimile dal vero». Ed è appunto un interno, incessante dinamismo ad animare questo romanzo “polifonico” (Ezio Raimondi), caratterizzato da continui cambi di registro e percorso da un’ironia instancabile: un’opera che non indulge affatto ad una visione del mondo convenzionale e pacificata, ma tende sempre a smascherare le trappole della parola e dell’ideologia del potere. Pochi testi come I promessi sposi attribuiscono alla scrittura letteraria una responsabilità tanto alta: quella di costituirsi come universale strumento di conoscenza, in grado sia di sondare i più profondi misteri del cuore umano, sia di contemplare con lucido rigore le tribolate vicende del vivere associato.

Per il programma aggiornato degli incontri: www.isi.com.usi.ch/lectura-manzoniana.htm

Proiezione film “Lo and Behold – Internet: il futuro è oggi” – mercoledì 27 settembre, ore 18:00, Franklin University Switzerland @ Sorengo
Set 27@18:00

“Lo and Behold – Internet: il futuro è oggi” di Werner Herzog – in inglese con sottotitoli in italiano.

Mercoledì, 27 settembre 2017, ore 18:00

FUS Nielsen Auditorium
Via Ponte Tresa 29
6924 Sorengo

Che cos’è Internet oggi? Che ruolo ha nelle nostre vite e come influirà sul nostro futuro?
In questo film, il noto regista e produttore cinematografico Werner Herzog, ci guida nell’esplorazione del mondo digitale contemporaneo, in dieci episodi che analizzano ciascuno una delle numerose facce di questa realtà complicata e onnipotente che è il Web, alla scoperta dei suoi lati meno conosciuti tra robotica e hacking, nuovi fenomeni psicologici e dinamiche sociali, rischi e meraviglie. E, nel delineare un quadro completo di dove siamo, ci permette di intravedere dove stiamo andando: un futuro in cui forse Internet sarà capace di sognare se stesso, gli asceti avranno bisogno del wi-fi e i robot sapranno giocare a calcio meglio di noi.

L’ingresso è libero ed è aperto al pubblico.

Franklin University Switzerland
cgrieco@fus.edu
Via Ponte Tresa 29, 6924 Sorengo (Lugano), Switzerland

Set
28
gio
FLAMENCOS EN ROUTE: àMiró a Verscio dal 28 sett. al 1 ottobre 2017 (ogni sera) @ Verscio
Set 28–Ott 1 giorno intero

FLAMENCOS EN ROUTE: àMiró
Flamenco con musica, canto, ritmo e audaci improvvisazioni

Giovedì 28 settembre ore 20.30
Venerdì 29 settembre ore 20.30
Sabato 30 settembre ore 20.30
Domenica 1° ottobre ore 18.00

Prosegue il ciclo coreografico consacrato ai più grandi “Pittori Spagnoli”. Come lascia intendere il nome, “àMirò” celebra le fantasiose opere del poliedrico artista surrealista Joan Mirò. Amante dell’Arte, la coreografa Brigitta Luisa Merki amalgama danza, immagine e poesia in uno spettacolo che vi lascerà nuovamente senza fiato.

Vi ricordiamo che da noi si può cenare prima e dopo lo spettacolo, telefonando allo 091/796.19.55 oppure allo 091/796.25.44.
I biglietti sono disponibili su www.ticketino.com e telefonando allo 091 796 15 44 (da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 12).

Set
29
ven
Esposizione dei lavori accademici di restauro e recupero della Sostra di Faido, l’edificio più antico del capoluogo di Leventina (29 sett.-30 ott. 2017) @ Faido
Set 29–Ott 30 giorno intero

Esposizione dei lavori accademici di restauro e recupero della Sostra di Faido, l’edificio più antico del capoluogo di Leventina

Progetti degli studenti del corso “restauro nel tempo” della Hochschule für Technik di Stoccarda (D)
sotto la guida del Direttore del corso Prof. Claudio Cavadini.

Faido, Oratorio S. Bernardino da Siena 30 settembre – 30 ottobre 2017
Ingresso libero giornalmente dalle 10.00 alle 17.00

29 settembre
Chiesa di S. Andrea ore 18.00: Inaugurazione dell’esposizione
Relatori: David Roland, Sindaco di Faido; Giulio Foletti, Ufficio Beni Culturali; Prof. Claudio Cavadini, direttore del Corso; Karsten Weigel, Decano corso Bachelor architettura d’interni HfT Stuttgart; Studentessa del Corso
Seguirà rinfresco

04 ottobre
Chiesa di S. Andrea ore 18.00: La storia della Sostra di Faido (1359)
Relatori: Fabrizio Viscontini, storico; Fabio Janner, urbanista FSU; ProMedia Leventina
Possibilità di prenotare la cena del somiere presso l’Osteria Marisa (CHF 20.-)

11 ottobre
Chiesa di S. Andrea ore 18.00: La Sostra e le vie storiche
Relatori: Giorgio Bellini, ricercatore
Possibilità di prenotare la cena del somiere presso l’Osteria Marisa (CHF 20.-)

INFO E PRENOTAZIONI: turismo@faido.ch / +41 91 873 52 23

SI RINGRAZIA PER LA COLLABORAZIONE:
Livia Pedretti Barudoni

Set
30
sab
LA MESEDA – porte aperte degli agriturismi il 30 settembre e il 1 ottore 2017 @ Ticino
Set 30–Ott 1 giorno intero

Una manifestazione che vede come protagonisti gli Agriturismi Ticinesi, che in queste due giornate si presentano al pubblico con la loro azienda agricola, i loro prodotti e le loro specialità culinarie nostrane.
La Meseda è dedicata a tutte le famiglie, ai golosi di tutte le età, ai tanti buongustai
di prodotti genuini e a coloro che amano il verde del nostro territorio.

VOLANTINO HR con lista agriturismi LA MESEDA 2017

Dai Pian di Cavalli sopra Carì fino a Mugena nel Malcantone. Ognuno di loro preparerà un proprio programma, centrato su quanto di meglio potranno offrire sia nelle attività all’aperto sia e soprattutto nella presentazione di piatti regionali con i propri prodotti.
Scopri gli Agriturismi partecipanti e il loro programma sul sito ufficiale: www.lameseda.ch

Spettacolo teatrale di solidarietà al femminile “Taas e lavura” (Besso, 30 sett.) @ Lugano/Besso
Set 30@19:00

Sabato, 30 settembre 2017, alle ore 19.00
Sala della Chiesa San Nicolao di Besso

Sabato 30 settembre 2017 alle ore 19.00 presso la Sala della Chiesa di San Nicolao di Besso, si terrà uno spettacolo teatrale solidale organizzato dall’Associazione Culture Ticino Network di Lugano. La serata avrà inizio con un aperitivo solidale, seguito dalla presentazione dei progetti dell’Associazione e dallo spettacolo teatrale.
L’idea di questo spettacolo nasce dalla collaborazione tra l’Associazione Culture Ticino Network di Lugano e la Compagnia Teatrale de “I Matiröö”, la quale intratterrà gli spettatori con una commedia dialettale scritta e diretta da Gianni Delorenzi, che narra le vicende di quattro donne alle prese con sogni, ambizioni e problemi di lavoro.
I motivi che hanno portato all’organizzazione di questo evento sono di natura solidale. I fondi che verranno raccolti durante la serata saranno devoluti a supporto di diversi progetti dell’Associazione luganese, la cui missione è sempre stata la diffusione della “Cultura della Pace”.
Questo spettacolo è un’opportunità per finanziare un importante progetto attualmente in corso: la creazione di un nuovo centro multifunzionale nelle Filippine, a Pambong. L’interesse è quello di poter offrire alle famiglie e ai bambini più bisognosi del luogo uno spazio in cui usufruire di cibo, visite mediche e momenti di ritrovo e scambio culturale.
Un altro progetto concreto di solidarietà che potrà essere finanziato dalla partecipazione allo spettacolo è “Petali di Pace”, un doposcuola destinato agli allievi delle scuole elementari, che si pone come obiettivo principale quello di diffondere messaggi di pace positivi e stimolanti.
È gradita l’iscrizione all’evento e il costo dell’entrata è di CHF 15.- per gli adulti, CHF 8.- per i bambini da 7 a 12 anni, mentre gratuito per i bambini fino a 6 anni.

Ott
1
dom
DÌ DE LA BRISAOLA: IL 1 OTTOBRE A CHIAVENNA L’EVENTO DEDICATO AL TIPICO SALUME CONOSCIUTO SIN DAL 1400 @ Chiavenna (SO)
Ott 1 giorno intero

Degustazioni, arte e musica nelle vie del centro storico e negli antichi palazzi

Una storia che affonda le sue radici nel 1400, una valle alpina di confine, una cittadina che conserva il suo cuore antico, un prodotto di qualità eccelsa: il Dì de la Brisaola, l’evento enogastronomico in programma a Chiavenna, in provincia di Sondrio, domenica 1 ottobre, è tutto questo e molto altro. I produttori artigiani, depositari dell’antica tradizione della Brisaola, una ‘i’ a marcare la differenza con il salume della vicina Valtellina, per un giorno, usciranno dai laboratori e dalle macellerie per invadere pacificamente le vie e i palazzi del centro storico di Chiavenna, città che con onore porta i vessilli di ‘Città Slow’ di Slow Food e ‘Bandiera arancione’ del Touring Club Italiano.

Giunta alla sesta edizione, la manifestazione cresce anno dopo anno, premiata dall’affluenza e dal consenso dei visitatori. Il sapore dei tagli selezionati della migliore carne bovina, avvolti nelle spezie, accarezzati dal soffio delicato della montagna e accuditi da produttori attenti a preservarne tipicità e bontà, ha conquistato i palati più raffinati promuovendo la Brisaola a prodotto principe della tradizione agroalimentare valchiavennasca. Com’è nella formula della manifestazione, i visitatori potranno degustare e acquistare la Brisaola artigianale, gustarla da sola, in abbinamento ad altri prodotti tipici o quale ingrediente dei piatti della tradizione. Ma anche l’occasione per parlare con i produttori, provenienti da tutta la valle, per sapere da dove viene tutta la bontà della Brisaola. Ad allietare il tour del gusto ci saranno le Guggen Band del canton Ticino.

Un sito internet (www.didelabrisaola.it) e una pagina Facebook aggiornano un programma che si arricchisce settimana dopo settimana, mantenendo la centralità sui produttori, protagonisti indiscussi della kermesse: a ciascuno di loro sono dedicati le clip video che vantano già migliaia di visualizzazioni. I volti sorridenti, le mani che sfiorano i tagli di carne, la cura nella presentazione rivelano l’orgoglio dei produttori di Brisaola, pochi ma buoni, selezionati e appassionati.

Lo splendore dell’autunno in montagna e una città impregnata di arte e cultura accoglieranno i visitatori.
Chiavenna è facilmente raggiungibile da Milano e dalla Svizzera, offre una rete di alberghi e B&B per il soggiorno e ristoranti tipici in cui ritrovare i sapori di un tempo.

Info: Consorzio per la promozione turistica della Valchiavenna
Tel. 0343 485 – www.valchiavenna.com

Principessa e principe per un giorno; 2a giornata dei castelli Svizzeri (Bellinzona, 1 ottobre 2017) @ Bellinzona
Ott 1 giorno intero
01102017Schloessertag2017_Plakat_A4_IT

Il 1° ottobre 2017 avrà luogo la seconda edizione della giornata dei Castelli Svizzeri. Durante la giornata dei castelli, le 18 fortezze membri dell’associazione I Castelli Svizzeri vi mostrano le loro molteplici sfaccettature. Venite a scoprire castelli sfarzosi, fortezze avventurose e splendidi giardini. Tornate indietro al tempo dei cavalieri e dei nobili per scoprirne le storie nel luogo in cui hanno avuto origine.

Vi aspettano attrazioni di ogni tipo, entusiasmanti programmi partecipativi e gastronomici: la giornata dei Castelli svizzeri è per grandi e piccini una vera esperienza.

http://www.dieschweizerschloesser.ch/it/giornata-dei-castelli-svizzeri/

FESTIVAL DELLA SELVAGGINA AL CENTRO DANNEMANN DI BRISSAGO IL 1 OTTOBRE 2017 @ Brissago
Ott 1@10:00–17:00
01102017_Brissago dannnemnn festival selvaggina evento

Vedi i dettagli cliccando qui

Conferenza di CulturAltura che tratterà del tema delle CAMPANE (Avegno, 1 ott. 2017) @ Avegno
Ott 1@17:00

La conferenza, si svolgerà una prima volta presso BIBLIOMEDIA a Biasca, Via G. Lepori 9, il 24 settembre 2017 e sarà ripetuta una prima volta ad Avegno, nella Sala Parrocchiale il 1° ottobre e una seconda volta a Tesserete presso l’Aula Magna delle Scuole medie il 22 ottobre 2017.

Tratterà diversi temi legati alle campane partendo dalla storia, passando per la fabbricazione, la tradizione campanaria e terminare con memorie e aneddoti legati all’attività di campanari.

I relatori saranno specialisti del settore: Romeo Dell’Era, ricercatore; Luca Papina, campanaro di Avegno; Patrizio Zurini, campanaro di Golino e Giampietro Wirz, ex docente.

Alcuni filmati aiuteranno lo spettatore a meglio comprendere le diversità dei suoni in relazione alle differenti circostanze.

Tutte le tre conferenze avranno inizio alle ore 17.00 e l’entrata è libera.